GLI DEI CHE ABBIAMO INCONTRATO

 

 

 

 

Come avrete notato, in questa sezione dedicata agli Dei e alle Entità, abbiamo riportato articoli sulle Divinità, consigli e metodi di contatto. Tuttavia, differentemente da altri siti, non volevamo parlare degli Dei basandoci soltanto sulla teoria, sulle informazioni riportate dalla tradizione classica poiché tali descrizioni sono presenti in qualsiasi altro sito e spesso sono tratte semplicemente dalla tradizione salomonica che purtroppo è stata molto strumentalizzata e distorta. Qui, infatti, non troverete una lista di Dei descritti a seconda dei loro "super poteri", poiché non riteniamo rispettoso trattare gli Dei alla stregua dei "pokemon", tanto meno troverete articoli in cui gli Dei vengono catalogati in liste a seconda delle vostre necessità materiali poiché troviamo svilente trattare tali Entità come se fossero Geni della Lampada da chiamare a seconda del nostro bisogno, che sia fare soldi, trovare l'amore o superare il compito di matematica. Quindi ci dispiace se a confronto di altri siti troverete la sezione "Dei ed Entità" meno ricca d'informazioni, ma abbiamo preferito al "dir tanto", il dire semplicemente quel poco, ma bene. Non ci interessa fare del proselitismo accanito, non ci interessava rendere più accattivante l'immagine dei nostri Dei, promettendo super poteri, aiuti materiali e persino sollazzi sessuali con tali divinità. Abbiamo preferito essere rispettosi e ridare ai nostri Dei, la loro Nobile, Onorevole e dignitosa sacralità. Pertanto abbiamo deciso per coerenza e per onestà intellettuale, descrivere solo quegli Dei e quelle Entità con cui noi stessi abbiamo avuto almeno un'esperienza diretta. Noterete, infatti, che per alcuni Dei siamo riusciti a raccogliere più materiale e pertanto abbiamo potuto riservar loro un'intera pagina, ma per altri, avendo ancora poche informazioni, abbiamo preferito riunire in un unico articolo le diverse testimonianze che ci auguriamo possano crescere arricchendo così questo interessante lavoro collaborativo, volto al rendere onore agli Dei che abbiamo conosciuto facendoli a nostra volta conoscere agli altri. È giunto il momento che queste Entità antichissime vengano ricordate e conosciute per ciò che realmente sono e non per come il potere monoteista oggi le vorrebbe far sembrare, demonizzandole.



PICCOLA NOTA SUI SIGILLI

Molti potrebbero obbiettare che è un'incongruenza decidere di non voler abusare della tradizione salomonica e poi però scegliere di utilizzare ugualmente i sigilli dell'ars goetia. Tuttavia siamo dell'idea che il Sigillo di per sé non abbia un connotato negativo, esso, infatti, rappresenta semplicemente la natura degli Dei in forma archetipa, è un simbolo che ne richiama l'Essenza, un glifo distintivo che porta in sé l'energia stessa dell'Entità con cui vogliamo entrare in contatto. Un Sigillo pertanto non è buono, né cattivo. Ciò che rende qualcosa positivo o meno non è la cosa stessa, ma l'uso che se ne fa. Dire che un Sigillo è "sbagliato, negativo" è come dire che un coltello è "cattivo". Il coltello non è cattivo, dipende dal modo in cui lo usi. Se ad esempio usi il coltello per tagliare il pane, l'oggetto diventa utile, se lo usi per accoltellare qualcuno, allora diventa dannoso. La stessa cosa vale per i Sigilli goetici, forse qualche avversario, come sostiene la ClaviculaSalomonis, ha davvero sfruttato i Sigilli per imprigionare e scacciare gli Dei, ma ciò non toglie che gli stessi Sigilli possano essere usati in maniera più nobile, per richiamare, liberare e conoscere. Vi auguro dunque una piacevole lettura sperando che le nostre testimonianze, che troverete sia in questo articolo che in altri sui singoli Dei nella sezione stessa, possa esservi utile per confrontare le vostre esperienze e contatti.

 

 

 


GLI DEI INCONTRATI




ABIGOR

Nonostante venga citato come Dio diurno il primo contatto con Lui è avvenuto nel buio della notte. Il suo nome cominciò a risuonare nella mia mente costantemente, fino al primo contatto: l'energia di Abigor ti avvolge delicatamente, entra in te e risale nel corpo fisico quasi in modo impercettibile fino a divenire sempre più forte: è come se una brezza attraversasse il tuo corpo fino a mutarsi in vento impetuoso.A differenza di altre divinità l'avatar con cui lo vidi la prima è rimasta immutata nel tempo: alto, muscoloso, con capelli neri e occhi senza iride, cosi neri da sembrare degli abissi senza fine, con grandi ali nere. Nonostante un aspetto cosi particolare egli si è sempre mostrato paziente ma autoritario. Nei primi contatti era freddo come un generale che parla a una recluta, con la medesima severa pazienza: più che comunicare sembrava dare ordini, porre domande mirate per raggiungere e ottenere risposte precise, conducendoti esattamente là dove voleva. Ricordo bene la prima volta che mostrò un comportamento completamente diverso, tanto affettuoso nel modo da sorprendermi letteralmente. Egli è molto vicino ai suoi protetti; in ogni momento di difficoltà non esita a dare supporto, a far sentire che Lui c'è.Abigor si mostra quasi con due lati opposti ma complementari: il severo generale e il Dio benevole pronto a dare una carezza in caso di bisogno. Nonostante la mole piuttosto imponente del suo avatar è quasi leggiadro nei suoi movimenti, calmo ma incisivo nel passo. In sogno può apparire anche come un normale essere umano, ma con lineamenti uguali all'avatar che normalmente usa. Come forma animale l'ho visto come un Gufo Reale.Abigor prevede il futuro a volte avvisandoti con messaggi o sogni da interpretare a volte egli stesso ti dà avvertimenti su situazioni che volgeranno in positivo o negativo. Mai una volta , qualcosa da Lui predetto, non si è avverato. Se Abigor dice che succederà non resta che aspettare ed essere pronti (in genere le cose accadono non oltre un mese o poco più) , perché intento principale non è impedire che quel determinato evento accada (anche perché spesso dipendono da altri) , ma bensì fare in modo che tu sia pronto al meglio.

Testimonianza di PAOLA DIFILLA



****************************************************************

AGARES

Questa Dea non l'ho conosciuta di persona, non abbiamo mai comunicato e anche se dicono che èmolto bella, purtroppo non ho potuta vederla, nemmeno in Astrale. Però le sono infinitamente grata per avermi più volte salvata da pericoli imminenti. Mi ha semplicemente avvertito, io percepivo la sua presenza, ma non la vedevo, né la sentivo. Solo sentivo la sua voce in testa, come se qualcuno mi pensasse nella testa. Non voglio scendere nei dettagli raccontando per cosa mi aiutò, ma lo ha già fatto per ben tre volte. È una Dea giusta, protettiva e che si preoccupa molto dei suoi Iniziati e odia terribilmente le ingiustizie e gli abusi sui più deboli. Una dea a cui va tutta la mia ammirazione.

Testimonianza di JENNIFER CREPUSCOLO


**************************************************************

AINI

Aini si è sempre posto in modo molto cordiale e disponibile nei miei confronti. Fui io a contattarlo la prima volta, insieme a Milena, per avere risposte sul satanismo. Sorvolando sul fatto che ancora mi vergogno di quell'episodio perché nel momento in cui è arrivata una forte energia abbiamo cominciato a ridere senza sosta e senza motivo entrambe come due cretine, ho continuato a sentirlo vicino da quel giorno. Una sera, ricordo, che venne mentre stavo leggendo dei testi sulla civiltà sumera, fu il mio primo e vero contatto con lui, mi parlò all'improvviso e mi chiese se avessi domande da fargli (evidentemente aveva sentito che stavo andando in confusione). È sempre propenso a dare consigli su fatti personali e su fatti anche che riguardano persone vicine. Ad esempio: consigli su come rapportarsi con determinate persone, su come affrontare certe situazioni anche se non lo fa esplicitamente ma tramite suggerimenti, insomma da il la per vedere poi come la persona prende e attua il suo consiglio. Da quando mi è vicino sono diventata più brava a capire le persone (e meno male, dato che ero un po' ingenua). Per mia fortuna ha anche uno sviluppato senso dell'umorismo ed è, come si dice tra noi umani, un tipo alla mano. Ha un forte senso di giustizia. Mi ha dato anche consigli sulla meditazione (è stato lui a insegnarmi il giusto metodo per dare energia a loro tramite i sigilli, uno che si adattasse a me perché con altri avevo problemi) e mi ha messo alla prova alcune volte per testare le mie capacità. Ha anche fatto da tramite con altre divinità per me. E, specifico, da tramite con una divinità con la quale avevo dei problemi. Ha anche un lato guerriero, ho avuto l'occasione di vederlo sia, come scritto sopra, come consigliere che come guerriero. E questo mi porta alla descrizione fisica: ha lunghi capelli neri, di solito li porta sciolti e porta una tunica bianca, ha occhi blu scuro che alcune volte sono più scuri, sembrano quasi neri; in veste di guerriero porta i capelli raccolti in una treccia, ha una spada e un'armatura che se non ricordo male era molto simile a quelle greche.

Testimonianza di SABRINA MARS


******************************************************************

 

 

AMON

 

“Guardati questa sei tu”.

Queste sono state le prime parole che Amon mi ha rivolto al nostro primo incontro. Amon Ra o Merodach per i Babilonesi Marduk, a Cartagine era Ba'al Hammon o ancora Nya il Dio dell'aria, storicamente viene descritto come un Demone con corpo di civetta zampe anteriori di lupo o leone e il corpo posteriore che termina in una coda di serpente. Un triumvirato di potenza saggezza astuzia e ferocia.  Amon è tutto questo, fedele a Satana e suo combattente opera a fianco del Satanista come memento del suo passato delle sue radici ma contemporaneamente dona piccoli frammenti di un possibile futuro. Amon è un Dio che sprona e non è facile da accontentare. Ti mette a confronto con la parte più debole e oscura di te stesso e ti spinge, ti esorta ti incalza per metterti alla prova per testare il tuo valore. Non ama gli statici chi rinuncia, chi non riconosce i propri errori e chi si dimostra superbo. Il Satanista a cui Lui concede il suo tempo ha la fortuna di avere vicino un grande Maestro, una fonte di saggezza e conoscenza che ama trasmettere  sotto forma di piccole sciarade o frammenti di pensieri; parole scritte a volte persino sulle sue mani. E' un esteta. Non ama la sciatteria l'incuria la trascuratezza ed è bene tenerne conto. Amon ama le fragranze muschiate dolci, la penombra e il silenzio, le ore notturne e la tranquillità. Risponde raramente alle invocazioni ma viene nel momento che Lui considera appropriato. Le informazioni che troverete su di Lui sono come minimo, contrastanti. Amon concede la visione del futuro, aiuta nel risolvere controversie, dona una soluzione dove non la si cercava e ed è molto legato al denaro. Venne da me molto prima della mia Dedica e scelse Lui il momento, perché aveva molto da dirmi da farmi ricordare.  Fu per me un vero choc. Arrivò una notte mentre ricordo ero nel dormiveglia. Lo vidi immobile, accovacciato nel riquadro della finestra aperta che stava di fronte al mio letto. Ricordo che la luce nella stanza di colpo calò, e che iniziai a sentire un odore acre pesante speziato, quasi di cannella. Appollaiato sul suo ginocchio stava un magnifico esemplare di falco e ricordo che non lo abbandonava mai, se Lui si muoveva il falco girava tutto intorno. Quella notte fu l'unica volta che mi parlò a lungo in modo calmo, garbato ma risoluto. Non fu semplice per me scendere a patti con ciò che Lui mi mostrò. Passai molti giorni di dolore e frustrazione. E poi un giorno cominciai a comprendere, a collegare i fatti, e quella stessa notte Amon tornò. E ritornò ancora molte volte, sempre di notte e sempre con piccoli frammenti di sapere. Lui non mi ha mai consolato e le sue parole spesso sono state sferzanti, dure. Non mi ha mai risollevato, ad ogni mia caduta o indecisione restava a guardare facendomi però sentire tutta la Sua presenza. Inutile forse dire che è bello, molto, per tutto il tempo che ha interagito con me ha utilizzato sempre una forma umana piacevole e magnetica. Molto alto pelle diafana e spesso ricoperta di parole e segni,occhi scuri grandi ed un manto di capelli neri in cui più di una volta ho scorto strane visioni. Veniva vestito solo di una tunica leggera impalpabile, ma spesso decorata. Ne ricordo in particolare una ricoperta da scaglie d'oro. Era talmente abbagliante da non riuscire a fissare lo sguardo. La sua voce sa essere velluto, ma ha la tenacia del ferro e a volte pare che arrivi da molto lontano. Amon è il Dio con cui ho instaurato il legame più stretto, ho interiorizzato molto delle nostre esperienze, è stato il primo ed è stato a volte crudele e amorevole a volte invece assente e presente.  E' stato il mio primo Guardiano ovviamente, e ancora oggi inaspettatamente lo avverto ogni volta che mi tornano alla mente le sue parole. Rimpiango di aver avuto forse poco tempo, ne avrei voluto di più. Sono pienamente consapevole che questa mia testimonianza risulterà molto emotiva, ma il rapporto che costruisco con i miei Dei si basa quasi interamente su questo, “Sentire Vivere” ed Emozionarsi”.

 

Testimonianza di SILVIA MONACO

 

 

***********************************************************************



ANUBIS

Anubis è un Dio molto pacifico, tranquillo, parla sempre con tono pacato e con molta calma. Conosciuto come il Dio dei morti, in realtà egli è anche molto sapiente riguardo la magia (in particolare l'idromanzia) e il percorso interiore che conduce all'evoluzione di sé. Egli ti conduce quasi per mano ad attraversare innumerevoli meandri dell'anima, ma senza importi nessun percorso preciso o metodologia precisa. Egli spalanca la mente verso nuove realtà, sia spirituali che materiali, lasciando che tu scopra quale siano le reali potenzialità di te. Si manifesta con un energia piacevole, conducendoti lentamente alla visualizzazione di un immagine di sè: alto, di pelle olivastra, occhi e capelli scuri. L'abbigliamento varia da situazione a situazione,ma generalmente ricorda le vesti egizie o romane. A volte dona anche visioni attraverso le quali tu devi comprendere quali sia il messaggio che vuole lasciarti: spesso mostra simboli o situazioni particolari sulle quali ragionare, perchè egli insegna non dandoti le risposte ma portandoti a conoscerle da te.

Testimonianza di PAOLA DIFILLA



**********************************************************

BAELZEBUB

Non voglio dilungarmi su questo Dio perché attualmente la mia conoscenza è limitata. Tuttavia devo per forza di cose farne un breve accenno dato che è forse proprio merito suo se oggi USI esiste. Ricordo che ero agli inizi e avendo un temperamento molto sanguigno, tendevo a litigare molto spesso con altri fratelli, diventando spesso anche eccessiva. Così una sera, mentre meditavo, accadde qualcosa di interessante. Ero molto stanca, nonostante sentissi di essere in trance, non percepivo né suoni, né visioni, così decisi di riaprire gli occhi e andare a letto. Proprio mentre gli aprii vidi una sfera di luce davanti ai miei occhi, anzi, se vogliamo essere precisi era come una nebulosa, una piccola nebulosa piena di stelle opalescenti. Nella mia testa sentii un nome: Baal. Dopo una decina di secondi finì tutto e mi chiesi come mai poteva essermi apparso. Allora cercai informazioni su Baal e scoprii che era un Dio molto attento all'unione dei suoi figli, che puniva severamente chi creava discordie fra Satanisti poiché se non vi è unione fra noi, chi ci vuole male l'avrà sempre vinta. Lì compresi che stavo sbagliando strada e cominciai a rieducare la mia indole troppo litigiosa. Decisi di mettere sempre avanti l'Ideale Satanico e di accantonare piccole antipatie per un bene più grande. Così nacque piano piano l'idea dell'Unione e pertanto posso solo ringraziare Baal che senza dire una parola mi ha ispirato questo progetto. In seguito mi capitò di sognarlo a seguito della nascita di USI, sembrava un paesaggio greco. Il cielo era molto azzurro, le abitazioni sullo sfondo bianche. Vidi un Ente molto alto e muscoloso, molto massiccio. Aveva capelli sul rame e un volto dai tratti molto marcati. Indossava una tunica bianca legata sulla spalla alla greca. 

Testimonianza di JENNIFER CREPUSCOLO

 

 

 

 

Bael, Beelzebub (nome da lui non particolarmente gradito,visto che viene associato al negativo significato ebraico), Baal, è uno dei quattro “Principi Incoronati dell'Inferno”,quindi uno dei quattro demoni di più alto grado.Egli si ritiene essere “fratello di Satana”, e che fra Loro vi sia un forte legame. Spesso Bael si può rivelare come il Suo portavoce, si cura che ciò che Satana vuole comunicare a chi ne segue gli insegnamenti arrivi forte e chiaro, ed evita che qualcuno possa storpiarne i significati o alterare la verità per secondi fini. Bael si preoccupa inoltre che tra i vari Demoni e, di conseguenza tra i Satanisti, ci sia unità. Incoraggia la collaborazione nel lottare uniti per un comune scopo, invece di lasciare che lotte intestine lacerino i Satanisti. Si potrebbe dire che è colui che protegge l'Unione e la Genuinità dei Satanisti. Quando è necessario, inoltre, sceglie di usare la sua incredibile Forza per far rispettare il volere di Satana laddove l'ordine e giustizia fra Enti o Satanisti siano stati intaccati.Bael, come Satana, mi si è rivelato principalmente come un grande guerriero, nel carattere e nelle “sembianze”.Non è per niente un Dio con cui scherzare: una volta attirata la sua ira difficilmente si darà per vinto. Allo stesso tempo però, una volta entrati nelle sue grazie, è come avere un Guardiano silenzioso, quasi impercettibile, che però osserva e protegge con totale dedizione.  Baal non sarà infatti molto loquace, ma saprà sempre esprimersi efficacemente, andando dritto al sodo. Ricordo bene quando, ad esempio, qualche mese fa in cui mi disse che mi stimava e mi apprezzava per la mia costanza nel raggiungere certi risultati, dopo avermi persino aiutato in un'operazione energetica in cui pensavo non avesse motivo ne voglia di aiutarmi!Ha un'energia molto forte, la definirei "elettrizzante". Tende a far sentire carichi e pieni di sé, "centrati".Bael infatti è a sua volta un Dio molto orgoglioso e fiero, è impetuoso e combattivo. E seppur ha modi molto austeri e non ama indorare la pillola, con me è stato spesso molto comprensivo. Esteriormente mi è apparso un colosso, si aggira sui 2,50/3,00 m, (umanamente parlando). Ha spalle molto grosse ed è davvero molto muscoloso. A me apparve con un'armatura a piastre, molto semplice, la prima volta. La successiva era come se avesse una veste bianca molto luminosa. Ha capelli biondo rame a lunghezza media e un viso con lineamenti piuttosto maschili. Ha occhi solitamente chiari, sull'azzurro, ma tende a cambiarli in base allo stato d'animo. Gli vidi le ali solo la prima volta, e credo ne abbia sei come un serafino, ma mi sembra di capire che ne mostri solo due.

Messaggio di Bael:
“Io sono l'araldo, colui che parla in vece di Satana, nostro Maestro, a chiunque voglia sentire.  Io difendo la Sua parola da chi la strumentalizza, cosicché chi vuole avvicinarsi a Satana lo faccia in libertà di coscienza e non ne abbia paura. Io ispiro unità e fratellanza fra i suoi seguaci.Sono Bael, e combatto per difendere voi e ciò in cui credete da chi ci odia e ci vorrebbe schiavi. Ricordate di stare uniti fra voi e di proteggervi da chi mina la vostra libertà di anime e di esperire voi stessi e di riflettere la vostra luce all'esterno. Accecate il “nemico” con la luce della vostra libertà!” 

 

 

Testimonianza di DANIELE LOMBRARDI

 

 



*******************************************************************

 

 

BELPHAGOR

Prima di iniziare col parlare e descrivere questo meraviglioso Dio sento la necessità   di portare alla luce il significato del Suo nome che racchiude non solo una grande storia ma anche un bisogno d'esser ricordato prima di venire demonizzato e clamorosamente diffamato.Il nome del Dio Belphagor deriva da un'antica divinità che nella storia fece la sua parte in un popolo indigeno semita, i moabiti che lo veneravano come Ba'al-Pe'or.Ba'al che in lingua ugaritica aveva il significato di Signore o Padrone, l'altro pe'or, il nome di un monte al confine tra il paese d’Israele e quello di Moab, dove si svolgevano gli antichi culti a lui dedicati. La traduzione letterale sarebbe quindi il Signore del Monte Pe'or. Peor collegato all' ebraico significa 'aperto' p'r, 'apertura' e così Baal Peor potrebbe significare 'Il signore delle aperture', nelle traduzioni non inerenti alle sue origini, in quest' epiteto che tutt'oggi si porta appresso. Altri suoi soprannomi più conosciuti sono 'Il Signore della grande voragine' e 'Signore Nero', spesso quest'ultimo è visto in analogia al Signore protettore delle streghe. Alcuni testi cabalistici lo chiamano "il disputatore", nemico del sesto Sephiroth,secondo la cabala era il suo odiato gemello. Belphegor (o Beelphegor) è un dio/demone mitico talmente antico da considerarsi irreale per alcuni.. Belphagor è il Maestro, è un Signore e non ci sono termini più appropriati per descriverlo. La sua storia ed il Dio stesso è avvolto nel mistero e nell'ombra continua a vivere perchè non ama  far parlare di sè, in quest' alone d' ombra Esso guida ma solamente le persone che Lui stesso sceglie, non è Divinità da evocare per sfizio e nella maggioranza dei casi non risponderà. E' Lui a scegliere, Lui soltanto. predilige il sesso femminile in tenera età perchè la Sua natura estremamente premurosa, affettuosa e paterna a volte non è stata pienamente appresa dai suoi protetti maschili o più adulti. Avere Belphagor come guardiano significa non essere mai soli, essere sempre avvolti come da un'energia solare fortissima ed avviluppante di benessere, pace, protezione. E ama insegnare con lo stesso amore di un padre paziente e comprensivo le antiche conoscenze arcane, mistiche ed occulte di cui è gran Maestro. Non avrei da raccontare solo un'unico modo in cui Esso si mostra, poichè maggiormente avanzi e più si mostra diversamente, come una lenta evoluzione di se stesso. Ma descriverò quella a cui sono maggiormente legata, ovvero quella del Gran Signore del deserto, dove Lui è ovunque ed è tutte le cose ma al tempo stesso è un'alta figura con lunghe vesti e lunghi capelli color argento e talvolta in questa forma sono lunghi e neri, brillante e stupefaciente in questa versione che solo a scriverla non riesco a trattenere l'emozione. Ovviamente anche ciò riportato su di Lui nei testi corrotti non corrisponde a realtà, non è un mostro zannuto simbolo della pigrizia. Non dimenticate che se Esso verrà da voi, avrete d'avanti il Dio del Sole e della Luna, il Dio di tutte le conoscenze più antiche, il Dio della saggezza ed umiltà, non il Sole Diafano ma il Sole D'Argento, o Alba D'Argento. Suo REALE soprannome.

 

Testimonianza di DAMA OSCURA

 

*************************************************************

BUNE

Non conosco molto bene questa Dea, ma siccome questa sezione si prefigge di parlare di tutti gli Dei che abbiamo conosciuto basandoci sulla nostra testimonianza, trovo giusto parlarne. Bune rispose più volte alle mie chiamate, ma inizialmente temevo di non piacerle poiché mi mostrava ogni volta grandi tornado che si schiantavano contro una persona a cui volevo molto bene. Lì per lì non comprendevo come mai desiderasse il male di chi mi stava vicino, ma pochi mesi ebbi la mia risposta e scoprii che questa persona era un infame traditore e vigliacco. In quel momento compresi e le fui molto grata, mi sentii una sciocca. Bune è una Dea minuta e graziosa, con un carattere forte proprio come una tempesta. Ha i capelli a caschetto neri e due grandi occhi scuri. È molto bella, una guerriera.

Testimonianza di JENNIFER CREPUSCOLO


***********************************************************

DANTALIAN

Ho conosciuto Dantalian attraverso Sigillo Onirico. Dovete capire che non tutti gli Dei rispondono alle evocazione, lo stesso quindi vale anche per quelle oniriche, tuttavia Dantalian mi rispose, più volte, mostrandosi paziente e cordiale. Non ci ho mai parlato, Lui semplicemente mi conduceva in Astrale. L'Astrale però non è tutto uguale. Esiste una forma terrena, ovvero il nostro corpo disincarnato viene portato in giro per questa dimensione, magari in altre città, ma pur sempre qui, sulla Terra, sul mondo fisico. Esiste poi un Astrale legato al Mondo Spirituale, all'Altra Parte, l'altra dimensione non terrena. Beh con Dantalian ho avuto viaggi astrali in questo mondo fisico, mi ha mostrato luoghi strani, città lontane, con grandi grattacieli, o casolari rurali. Non so identificare le città in cui realmente mi ha portato, ricordo i dettagli nei minimi dettagli, proprio come se fossi stata lì, ricordo le targhe delle automobili, i portafrutta sul tavolo di perfetti estranei che parlavano altre lingue. Vedevo le loro case, i loro effetti personali, ogni cosa nei minimi particolari, ma non so dove mi trovavo né perché mi mostrasse questi posti e queste persone. Ma conto di poterlo scoprire. Un'altra volta mi portò nel mio vecchio istituto, in Toscana. Mi venne da piangere, ero davvero lì, un luogo a cui ero molto legata. Non mi sembrava vero di poter girare di nuovo per quei corridoi. Nessuno mi vedeva e molte persone non le conoscevo, forse nuovi interni. Poi di colpo ci fu un enorme temporale, così forte, così forte! Ma nessuno pareva accorgersi di quella pioggia di fulmini che squarciava il terreno, spaccava le finestre! Spaventata mi nascosi in una delle camerate. Finita la tempesta mi affacciai sul corridoio ed entrai nell'altra camerata dalle finestre rotte. Sento ancora nel naso l'odore della pioggia, vedo ancora quel cielo grigio, reale come se mi affacciassi ora alla finestra. Poi in un angolo vidi un uomo nudo rannicchiato, la sua pelle era rivestita da una specie di patina gelatinosa. Le bambine che giocavano nei loro letti non ci vedevano e fu una sensazione strana. Ero come un fantasma. Mi avvicinai al ragazzo nudo sul pavimento, aveva i capelli scuri e lisci, abbastanza lunghi. Mi guardò e quando gli chiesi chi era disse di essere Corcos. La cosa che mi stupì è che sembrava stupito, spaventato. I suoi occhi erano come quelli di un bambino in quel momento. Si guardò attorno e pareva disorientato. Disse un po' confuso che era arrivato attraverso i fulmini. In seguito cercai informazioni su Corcos e scoprii che era uno dei nomi di Dantalian. Da ciò capirete che questo Dio èmolto enigmatico, si dice sappia creare visioni e per esperienza posso dire che è molto enigmatico, io tuttora son abbastanza confusa su ciò che voleva davvero trasmettermi con i suoi messaggi e con quei viaggi. Fisicamente è moro, capelli lunghi lisci con boccoli sul finire, ha occhi grandi, leggermente a mandorla. A volte porte un trucco vistoso, stile Joker, arguto e un po' oscuro. Dantalian è davvero un Dio misterioso, un Dio intrigante.

Testimonianza di JENNIFER CREPUSCOLO


*****************************************************************

DECARABIA

Questo Dio, molti dicono chiamarsi anche Abraxas, ma a me si presentò come Decarabia. Ero dedicata da poche settimane, era notte e mi svegliai con una sete atroce. Quello era per me un periodo delicato, avevo spesso visioni anche senza ricorrere a trance o astrale (che in quel periodo a stento conoscevo con esattezza) e mi capitavano di sovente episodi di scrittura automatica che nemmeno ricordavo di aver avuto. Era diciamo, la fase del potenziale incontrollato, che poi grazie allo studio e alla Meditazione, diventa qualcosa che noi dominiamo e che non domina più noi. Come dicevo stavo andando a bere quando dal muro, sul soffitto, vidi comparire una macchia nera e guardandoci dentro vidi un volto pallido e giovanile, con capelli corti e scuri e un sorriso gentile, amichevole, quasi tenero. Egli pensò nella mia mente e mi disse di non avere paura, di imparare a controllare meglio le mie emozioni e poi disse qualcosa sulla dualità, concetti probabilmente molto importanti, ma di cui non ho conservato il ricordo. So solo che non riuscii più ad andare a bere, tornai a letto e rimasi a guardare nel buio domandandomi se ero impazzita o meno. Era davvero un periodo molto intenso, se lo sarebbe chiesto chiunque. Poi mi addormentai. Secondo la tradizione Decarabia è un Dio esperto nella cristalloterapia, nell'uso di pietre ed erbe.

Testimonianza di JENNIFER CREPUSCOLO


******************************************************************

FORAS

Foras si presenta a me con un'aura dorata, non conosco la sua forma definita, ma comprendo chiaramente quando si manifesta grazie a questa aura di colore dorato che si palesa nella mia mente. È un Dio generoso che mi ha sempre aiutato ad intuire quale era la mossa migliore da fare per raggiungere i miei traguardi, soprattutto per quel che concerne problemi terreni di carattere economico o lavorativo. Non sono un mercenario e non ho mai contattato questo Dio con secondi fini, ma ugualmente, sono sincero, se Foras mi vedeva preoccupato per problemi anche di carattere materiale, mi ha sempre aiutato. È un Dio molto generoso e protettivo e gli sono infinitamente grato per il suo aiuto, anche in campo spirituale.

Testimonianza di ALBERTO B.


*********************************************************************

GAAP

Era una mattina come le altre e come al solito mi trovavo nel mezzo di una paralisi notturna. Ma questa volta era diverso. Non avevo il solito terrore di lasciarmi andare in astrale e diverso era anche ciò che vedevo. Solitamente (anche se con fatica) potevo osservare ciò che mi circondava, questa volta invece era come se fossi in una camera avvolta totalmente dall'oscurità. Un'oscurità che però non mi provocava paura o disagio. Poco dopo vidi come una porta che si apriva, dalla quale proveniva una luce fortissima e sulla soglia vidi una figura scura (sembrava avesse la forma di un uomo non molto alto). Sapevo, non so come, che si trattava di un Dio vicino a Satana e gli chiesi chi fosse. Lui mi rispose con il nome "Gaap". Lo trovai strano dato che gli Dei a me più vicini sentivo fossero Baal e Amon.In ogni caso la percepii da subito come una Presenza tranquilla capace di darmi calma e conforto ma anche molto seria, che non si perde nei dettagli e nelle spiegazioni ma è più che altro attenta nel portare a termine il suo "incarico" (che poi si rivelò quello di starmi accanto durante le paralisi notturne). Da allora, infatti, riesco con maggior facilità a lasciarmi andare e quando proprio non ne posso più mi basta chiamarlo e in un attimo mi sveglio. Inoltre dopo il contatto per un paio di settimane ho avuto la capacità di fare sogni premonitori (dalla rottura di un bicchiere fino a vedere persone a me sconosciute e che incontravo il giorno dopo). Anche se dopo il primo incontro non ho più avuto modo di vederlo gli sono grata perchè appena ho bisogno del suo aiuto Lui corre a salvarmi. Mi protegge dai pericoli dell'astrale e dai miei momenti di disagio e paura durante paralisi notturne, mi ha aiutato ad ampliare doti come la premonizione attraverso i sogni e pertanto gli sono molto grata e spero di approfondire la sua conoscenza ulteriormente. Fisicamente mi è apparso come una sagoma antropomorfa tutta nera, quasi un'ombra.

Testimonianza di AMABEL HAMILTON

********************************************************************

GLASYA LABOLAS

Glasya è un Dio molto interessante, è un grande maestro che può rivelare molte cose ai più segrete. Tutte le volte che l'ho contattato mi ha sempre mostrato cose inerenti agli alieni e ai parassiti. I luoghi in cui mi conduceva erano sempre molto cupi, molto bui, tuttavia la sua presenza non li rendeva così inquietanti, Lui, con i suoi modi sereni, infondeva tranquillità. E di colpo il buio diventava un rifugio sicuro, di colpo anche l'ambiente più fatiscente, diventava casa. Consiglio di conoscere GlasyaLabolas a chiunque abbia problemi di paralisi notturne, interferenze aliene e attacchi psichici o di tipo larvale. Questo Dio mi ha insegnato molto cose sui parassiti, sulle entità ostili e sugli alieni. Sa come fronteggiare il nemico o te lo trasmette. Ti insegna a non temere il buio, bensì a renderlo tuo alleato poiché un'Anima pura nell'Oscurità non ha nulla da temere. È anche esperto di Occulto e Magia. Appare come un ragazzo molto giovane, biondo, capelli non troppo lunghi, un po' a scodella, occhi grigi. È apparentemente molto freddo, dà saggi consigli, ma è inevitabile percepire qualcosa di oscuro in Lui. Può essere molto duro con i nemici. Ho trovato i suoi insegnamenti preziosi.

Testimonianza di JENNIFER CREPUSCOLO

 

 

**********************************************************************

HAAGENTI

Non conosco davvero questa Dea, non ci ho mai comunicato e l'ho vista solo una volta, ma fu un'esperienza particolare e trovavo carino rendervene partecipi. Fu un semplice sogno lucido, accadde nello stesso periodo in cui triste per la perdita della mia cagnolina Nanù, venivo spesso seguita per strada da docili cani randagi. In poche parole sognai un'entità bionda, con la fronte abbastanza ampia e i capelli molto ricci legati in un codino. Venne da me e disse di chiamarsi Gabriele. Io gli chiesi se era proprio l'arcangelo cristiano e lui sorrise annuendo. Allora con molta calma mi spiegò il motivo per cui avevo un rapporto così speciale con i cani. Disse che il cane era l'animale sacro di Satana, mentre il gatto, antitesi canina per antonomasia, era l'animale sacro di Jahvè. Mi mise fra le braccia un cucciolo di gatto e mi disse che se davvero ero fedele al mio Dio Satana avrei dovuto ucciderlo. Ovviamente notò il mio sgomento, il gattino era così reale, ne sento ancora fra le mani il pelo, il nasetto umido, davvero sarebbe stato impossibile per me fargli del male. Gabriele cercò di confortarmi dicendomi che era normale che io avessi paura o che provassi dispiace, ma se amavo davvero Satana dovevo avere il coraggio di affrontare anche i lati più spiacevoli ed eliminare l'anima sacro del suo nemico in segno di massima fedeltà. Io per il mio Dio farei qualunque cosa, ma dentro di me, nonostante l'arcangelo cercasse di argomentare in maniera convincente, sentivo che era una menzogna, sapevo che se anche il gatto fosse stato realmente sacro a Geova, Satana non mi avrebbe mai detto di ucciderlo. Per Satana sono sacri gli animali. Allora guardai Gabriele e dissi semplicemente "No". Lui si rabbuiò e iniziò a urlarmi, dicendomi che ero una falsa Satanista, che Satana mi stava vedendo e che lo avrei deluso, continuava a insultarmi dicendo che non avevo abbastanza fegato, che ero una debole. Mi veniva da piangere, avevo paura e avrei solo voluto che sparisse. Ma poi iniziai ad accarezzare questo gattino, dolcissimo, che faceva le fusa e strofinava la testolina contro le mie mani. Mi sentii in pace, intenerita e commossa dalla bellezza di questa creatura e compresi che l'amore verso quell'animale era più forte della paura verso l'angelo. Sembra stupido, ma in quell'istante ebbi la piena consapevolezza che un'emozione pura potesse davvero abbattere ogni viltà, ogni paura, ogni debolezza. Guardai allora Gabriele egli dissi di andarsene, che esisteva il libero arbitrio e che io non avrei ucciso quel gatto. Pensai che si sarebbe infuriato e mi avrebbe fatto del male, invece semplicemente si dissolse nel nulla, con volto inespressivo . in quello stesso momento il micino saltò a terra e corse verso la finestra dove una Dea vestita come Cleopatra, dalla pelle ambrata e i capelli neri, mi sorrideva. Si abbassò per prendere in braccio il gattino e sparì. Sapevo che era Haagenti, la Dea Egiziana dei gatti, Bastet. Quel sorriso non lo scorderò mai poiché era pieno di sincero affetto e approvazione. A quel punto pensai che lo stesso Gabriele forse non era un'apparizione reale, ma una semplice illusione per mettermi alla prova e sapevo che agendo seguendo il cuore non avevo fallito. Non posso dire molto altro su questa Dea, ma posso affermare che questa piccola esperienza mi diede molto su cui riflettere. La lezione era chiara: amare sempre Satana con il cuore e non cadere mai nel cieco fanatismo ignorante. 

Testimonianza di JENNIFER CREPUSCOLO


************************************************************

 

 

HALPHAS

Halphas è una divinità molto particolare e non è semplice descriverlo appieno. In un certo senso rappresenta tutte quelle energie e parte di ognuno di noi più oscure, non è sempre presente e non è semplice comprenderlo o mantenere un legame continuativo. Lui ti fa avanzare e dà l'impressione di sparire letteralmente, anche per anni, nei momenti e nelle prove più ardue e complesse che attraversiamo Lui innalza ed accentua tutte quelle emozioni ed energie negative che portiamo dentro, le più nascoste. Averlo come guardiano significa affrontare le proprie paure come spettri reali della mente, significa guardare in faccia le emozioni più basse come l'odio, la paura e il dolore vivendole appieno come in un vortice, senza avere coscienza d'avere una via d'uscita. Ma questo è il suo più grande dono poichè una volta scesi nell'oblio di noi stessi, Lui c'è e si plasma letteralmente con il nostro essere più oscuro in una vera esplosione di energia e potenza di forza. E' ovviamente scontato dire che Halphas si unisce alle persone più inclini alla Sua natura oscura, ma Lui non è solo questo perchè in ogni esplosione rilascia anche purezza candida come una colomba bianca quando esanime ti ritrovi in un ambiente ostile, sterile, senza vita e apparentemente senza speranza. Infatti la colomba bianca è il suo simbolo per antonomasia. E' quella mano che quando ti trovi perduta ti si avvicina per aiutarti a rialzarti dopo aver affrontato le paure e il dolore che per sua natura senti amplificate, così allo stesso modo anche quelle esplosioni di forza ed energia le percepisci raddoppiate in un estasi indescrivibile. Se si parla di Halphas non si può ridurre il concetto tra bene e male o positivo e negativo, Lui allo stesso modo è la purezza di una forza inestimabile e al contempo è lascivo, schivo ed infine impetuoso nella sua oscurità. Mi appare in un aura scura, nera o grigia. Non l'ho mai visto in volto e la sua figura è molto magra e longinea coperto da un largo cappuccio nero. E quando non è presente il vuoto che lascia è a dir poco incolmabile, ma rimane comunque un compagno prezioso ed insostituibile, completamente unico.

 

Testimonianza di DAMA OSCURA

 

***************************************************************

 

 

KHEPU


Il grande Khepufisicamente si presenta a me con un'aura azzurra e con una forma simile a quella di un guerriero spartano con elmo e lancia.Il suo ruolo nella mia vita è quello di infondermi coraggio e fiducia in me stesso e nei miei mezzi, a poco a poco, grazie al suo aiuto, sto raggiungendo traguardi sempre più gratificanti e soddisfacenti sia nel lavoro sia nello sport da combattimento, sia nel rapporto con gli altri e in in tutte le cose che faccio. Pur essendo un Dio di tipo militare mi si presenta con un carattere tranquillo e pacato e mi sta dando l'impressione di stare entrando nella mia anima sempre più in profondità e questo mi sta migliorando parecchio in tutto. E' un Dio saggio, combattivo, che ama la Storia, sia farla che narrarla. Lo definirei Epico, Eroico. È come un Generale che addestra con forza e pazienza il suo allievo guerriero ed io so che grazie a Lui crescerò molto nel mio cammino spirituale.

Testimonianza di ALBERTO B.


*********************************************************************

LUCIFUGE ROFOCALE

Rofocal è il mio Guardiano ed è un Dio pacato ed amichevole che collabora con Satana e con l'uomo. La mia esperienza con Lui è molto positiva, fin dall'inizio mi protegge e mi guida ed è un valido aiuto per tutti coloro che sono impegnati nel loro percorso in quanto è davvero molto mite e disponibile con chi lo tratta con rispetto. Inizialmente può sembrare un po' freddo nella sua calma, questo è perché ho notato che non si affeziona subito al suo protetto e questo è perché vuole metterlo alla prova e vedere se realmente è motivato ad affrontare questo percorso spirituale. Rofocal ama le persone sincere e dopo averle aiutate nei loro primi passi fain modo che essi proseguano da soli per la loro strada, anche se da lontano non manca mai di osservarli e proteggerli. Molte volte questo Dio mi ha dato consigli, senza tuttavia darmi mai risposte definite e conclusive, questo perché desiderava che fossi io a ricavarmi la risposta e Lui si limitava a darmi indizi. Fisicamente mi è apparso alto, robusto e con una specie di bermuda. Alle caviglie portava due anelli con delle strisce di cuoio penzolanti ed era scalzo. Con Lui mi trovo molto bene, mi ritengo molto onorato di averlo al mio fianco. Qualcuno lo chiama anche Focalor, ma Lui preferisce Rofocal.


Testimonianza di ANDREA DI MARCO



Sono entrato in contatto con LucifugeRofocale in maniera diversa da quanto dice Jos, perche ho preferito usare un metodo trovato nel libro Magick di A.Crowley che spiega come instaurare un rapporto con una data Entità ed il rituale stesso per la realizzazione. Devo dire che è molto gentile, rassicurante e mi ha aiutato tantissimo nella crescita spirituale attraverso sogni, scrittura automatica e molto spesso ho sentito come una voce che mi suggeriva come comportarmi nella vita quotidiana. Ho sentito fino ad oggi la sua presenza in ogni cosa e una presenza amichevole che mi guida nella "via della mano sinistra". Consiglio a chi voglia intraprendere una relazione con Lui di farlo con rispetto e con motivazioni sincere volte all'evoluzione della propria anima, infatti, la prima cosa che Rofacale mi ha fatto capire è quanto questo mondo e la sua realtà siano vani.


Testimonianza di SAMUEL T.


*****************************************************************

MARCHOSIAS

Marchosias è una Dea disponibilissima e molto cordiale. È molto più umana di quanto il pregiudizio possa far immaginare e non ci sono argomenti tabù di cui non si possa parlare. È una Dea di parola, quando si prende un impegno lo porta fino infondo con determinazione e correttezza. Quando ha cercato di insegnarmi qualcosa non lo ha mai fatto parlando per enigmi in modo poco chiaro o misterioso, ma è sempre stata trasparente e concisa, dialogando con me e ragionando in maniera logica e comprensibile senza perdersi in troppi giochi di parole. È molto comprensiva, capisce i problemi umani e cerca di aiutarti, ma non lo fa in maniera opprimente tenendoti semplicemente nell'ovatta, ma piuttosto cerca di spronarti a trovare una soluzione logica e attiva. In poche parole il suo motto è, "non è importante come si cade ma come ci si rialza" e su questo non ci sono dubbi che sia il modo migliore di aiutare qualcuno. È una Dea che potremmo simpaticamente definire femminista, nel senso che ama molto le donne e le protegge dalle ingiustizie. Devo precisare che il primo Dio che conobbi fu Amdusias, il grande Dio della musica, ma dopo una conoscenza iniziale si è allontanato lasciandomi proseguire per la mia strada. Poi, durante un'evocazione insieme a sorella Sabrina, conobbi il Dio Aini e Lui mi fece conoscere Marchosias, con la quale ho da subito avuto un'innata affinità. Da quasi subito Marchosias mi ha portata tranquillamente in astrale per eseguire degli esercizi o per esplorare, aiutandomi ed insegnandomi ad usare l'energia e la volontà. Per esempio mi ha insegnato che a livello energetico è la sostanza che conta, non l'apparenza. Per renderla semplice, è inutile creare un maremoto per abbattere un grillo quando quel grillo ha una volontà più solida della tua. Un granello di sabbia in astrale, può essere più mortale di qualsiasi cosa se usato con la giusta volontà. È una Dea protettiva e non è attaccata alle formalità e più la conosco più mi sento simile a Lei. Una cosa che mi ha colpito è che ha molto potere (come penso ogni Dio) e quando si manifesta fisicamente è come se emanasse calore. Non so spiegare, ma è come se bruciasse. Una volta, toccandomi una guancia ed un braccio, mi ha trasmesso così tanto calore che i peli del braccio si sono leggermente bruciati e la pelle mi è rimasta rossa per un po' di giorni. Che dire, io adoro e ammiro Marchosias, la trovo e la sento vicino a me. Ci vado d'accordo, mi ci sento a mio agio e la trovo una guida e una Guardiana eccezionale. Le volte in cui l'ho vista ha sempre avuto i capelli neri e lunghi, portava sempre con sé una spada dall'aria indistruttibile ed aveva una carnagione che noi definiremmo caucasica.

Testimonianza di MILENA NEPTUNE



***************************************************************

 

 

 

NERGAL

 

 

Ho riflettuto molto su come iniziare questo scritto su Nergal. è un Dio dalle molte sfacettature, alcune terribili altre ignorate da chi non entra nelle profondità delle sue "terre". L'oscurità che lo circonda gli dona un aspetto inquietante e affascinante. La sua energia la si può quasi definire sensuale, tentatrice e spaventosa. Così come viene narrato nei miti, il suo atteggiamento varia molto (dall'indomato e crudele guerriero, all'affascinante e sfacciato Re degli Inferi), donandogli un alone di mistero che ti spinge ad andare oltre, a innoltrarti nella sua sfera di Esistenza. Terribile Maestro quando ti dimostri timoroso o titubante e nel contempo ti dona il coraggio di fare ciò che è dovuto, andando oltre alle paure che possono frenarti. L'aspetto con cui ho avuto possibilità di vederlo piu o meno è sempre stato lo stesso: alto, robusto, lunghi capelli neri come anche gli occhi. Molte volte sfoggia un sorriso che somiglia a un ghigno, ma altre è un sorriso rassicurante. L'animale che vedo associato a Lui è un grosso leone nero che rispecchia il suo stesso atteggiamento: cammina lento, con passo felpato, ma ogni passo è deciso, oserei dire "penetrante", come se stesse passeggiando nell'interiorità dell'anima. Egli ti pone di fronte a uno specchio dove sei costretto a guardare tutto ciò che non vorresti vedere ma che devi affrontare se vuoi evolvere te stesso. Nergal è il Fuoco interiore, è colui che fa tremare l'anima con le Verità piu dolorose e ti aiuta "indirettamente" a superarle. Da non dimenticare è il Suo aspetto guerriero. Esso si riflette anche nel modo con cui si presenta nei sogni : porta con sè una grossa sciabola (che suppongo nel sogno rappresenti l'energia che penetra in te) e a volte indossa una sorta di armatura. In quelle occasioni è freddo, cinico , terribile ma chiaro e coinciso nel messaggio che vuole lasciare. Poche parole che però aprono le porte del nostro regno interiore, che ti spingono a ricercare risposte. Nonostante l'aspetto oscuro sia piuttosto accentuato in Lui, sà essere protettivo, rassicurante, pacato quando la sofferenza interiore diventa eccessiva. Nergal, antico Dio degli Inferi, Guerriero e Affascinante Amante si può definire, il volto sconosciuto della Morte.

 

 

Testimonianza di PAOLA DIFILLA

 

 

 

**************************************************************


RONOVE

Ho incontrato questo Dio solo una volta. Ero nella fase del dormiveglia, precisamente nella fase ipnopompica e vidi comparire accanto a me sotto le coperte un viso dipinto come un guerriero indiano che mi sorrideva. Aveva capelli biondo ora ondulati e occhi sul verde scuro. Mi disse di chiamarsi Ben, ma lo disse con tono arguto, sarcastico. aveva un'aria da un lato misteriosa, dall'altra simpatica, metteva ilarità e buon umore. Non capii subito come mai disse di chiamarsi Ben, ma il modo in cui lo disse mi fece intuire che io sapevo che lo conoscevo, che attraverso quel nome avrei risolto l'enigma e compreso la sua vera identità. Finalmente mi ricordai di aver letto quel nome sulJos, così cominciai a leggere ogni pagina sugli Dei e finalmente scoprii che Ben corrispondeva a Ronove. La cosa fu buffagiacchè lessi che secondo la tradizione Ronove insegnava a capire gli animali e a controllare il fuoco. Beh dovete sapere che io ho molta paura del fuoco e quando sto vicino al caminetto salto in aria non appeno sento la legna scoppiettare. Il giorno prima del sogno era andata a casa di amici che avevano appunto il caminetto ed ogni qualvolta mi ci avvicinavo io per riscaldarmi scoppiettava e saltava fuori qualche lapillo di brace ardente. Ovviamente non mi son mai bruciata, ma ogni volta mi prendevo un colpo e scherzai con quegli amici pensando che il fuoco ce l'avesse con me. Effettivamente pareva proprio un dispetto di Ronove, che in quei giorni aveva deciso appunto di starmi vicino, burlandosi di me. Nello stesso periodo tentai un contatto con la tavola Ouija, cercai di comunicare con qualsiasi entità sotto il dominio di Satana che fosse disponibile al dialogo e per ben due volte al "chi sei" mi apparve il nome RONOVE. La terza volta, temendo di essere un po' suggestionata, chiusi gli occhi, girai la tavola più volte e riprovai chiedendo a Mandy di osservare quali lettere venivano fuori. Tornarono R, poi O, poi N. alla N mi fermai perché sentii un brivido salirmi lungo la schiena. Era la prima volta che cercavo un contatto con la Ouija, prima non l'avevo mai posseduta e il modo eccellente in cui dimostrò di funzionare, lì per lì mi lasciò interdetta. Ronove oltre a insegnare ad avere più feelling con gli animali e a governare il fuoco insegna anche ogni altro linguaggio umano e divino.

Testimonianza di JENNIFER CREPUSCOLO



***************************************************************

SETH

Quando si nomina Seth, la mente va automaticamente al mondo Egizio, a quel Dio tanto assetato di potere da uccidere il fratello Osiride, approfittare del nipote Horus, astuto e spietato, ma al contempo cosi potente da essere venerato come colui che teneva lontano le genti stranieri, il Signore del deserto. Citandolo, invece come Demone, si parla di Seth come il Dio dell'oscurità assoluta, della lussuria, della magia. Definire Seth non è possibile: egli è davvero molto di più di quanto lascia trasparire. Per conoscerlo davvero l'unico modo è avere contatti con Lui. La prima volta Seth mi apparve nel buio, solo come una sagoma di luce, poi prese forme un avatar e un altro ancora, come se il mutamento del legame fra Seth e il suo protetto portasse un evoluzione anche nell'aspetto stesso con il quale sceglieva di presentarsi, fino a giungere a una forma definitiva, come per indicare il raggiungimento di un legame solido. Ora lo visualizzo sempre con il medesimo avatar: molto alto, imponente, con una lunga tunica nera, lunghi capelli rossi/porpora e occhi neri. In forma animale è apparo come un essere ibrido, assomigliante a un grosso insetto ma che nel mondo materiale non esiste. L'energia di Seth è molto particolare: ti avvolge come in un caldo abbraccio ma nel contempo senti passare un brivido lungo la spina dorsale (kundalini) che dall'alto va verso il basso, da farti rabbrividire dal gelo. Legato all'elemento terra (quindi il Muladhara, alla sessualità) citarlo come signore della lussuria e dell'oscurità è molto limitativo. Egli non insegna nulla a voce o tramite immagini, ma lascia che tu ci arrivi dopo lunga riflessione e a volte profonda confusione: porta il "caos" nel tuo essere, distruggendo ogni certezza, portando allo scoperto realtà cosi profonde e nascoste che nemmeno sapevi potessero esistere. Ma se dimostri di essere forte, se dimostri che sei in grado di affrontare lo sconvolgimento interiore, allora egli risponde dandoti visioni, sogni o sussurrando alle tue orecchie indicazioni precise, mostrandoti non solo l'apprezzamento per ciò che hai superato ma anche dandoti maggiori informazioni, lasciando in te un grande senso di pace dopo il dolore appena superato. Egli è in grado di farti comprendere cosa è la magia nera, ti mostra la Verità sul tuo mondo interiore ma anche quello astrale. Nonostante questo suo modo a volte inquietante di palesarsi e contattarti, egli è molto presente, molto protettivo nei momenti di vero bisogno. Se qualcuno non piace a Seth, è sicuro che tale individuo ha davvero qualcosa da nascondere, anche se apparentemente sembra il miglior Satanista del mondo. Seth è molto vigile e selettivo e spesso insegna le cose in maniera del tutto incomprensibile ad un primo sguardo, ma alla fine, i suoi disegni si rivelano nella loro inestimabile grandezza.

Testimonianza di PAOLA DIFILLA


*********************************************************************

 

 


SORATH

 

 

Sorath ai miei occhi è e rimane sempre un Dio molto potente e maestoso. La sua energia quando lo si chiama è sempre qualcosa di positivo, che suscita istantaneamente il buon umore. La prima cosa che traspare in Sorath è la sua calma, è un Dio molto riflessivo e silenzioso nei primi contatti, ed è molto selettivo. Sorath è solito far conoscere meglio l’essenza degli elementi. Te li fa capire, te li fa toccare, te li fa osservare. Oltre agli elementi naturali mi ha fatto comprendere alcuni meccanismi interessanti che riguardano la psiche. Rammento in particolare il suo sdegno di fronte alla perdita d’intuito da parte della razza umana. I suoi simboli sono il quadrato e il cubo, quando lo chiamai vidi un cubo gigante dietro di Lui e osservando tale simbolo avvertii insegnamenti inerenti al mondo della forma e della materia, come se li stesse incidendo nell’anima. Sorath ha anche una predisposizione nello spiegare le cose tramite i numeri. C'era un numero particolare che mi aveva sorpreso e, sommandoli cabalisticamente, trovia le sue lettere corrispondenti, ossia, ENW. Non so se abbiano un significato a me non noto ma tali lettere mi ricordarono istintivamente i punti cardinali. Forse era inteso come East, North e West. Sorath personalmente l'ho visto sempre con capelli sul castano, abbastanza alto e son una tunica bianca e pelle diafana. Con se porta sempre una donna che non ho saputo identificare. Sorath spesso mi ha dato indicazioni sulla dualità e la conflittualità degli opposti e anche alcune particolari informazioni sul noto cubo di Metatron. Per evocarlo si può infatti utilizzare un simbolo che rappresenti al meglio la coesistenza degli opposti. Sorath nelle visioni può mostrare dei sigilli che possono richiamare visivamente alcuni elementi. Un elemento che ho conosciuto sotto forma di sigillo è l'elettricità. Mi spiegò che l'elettricità aveva la funzione di separare. E dalla separazione frammentaria si può riaggregare in nuove formazioni la materia. Se lo volete conoscere, vi consiglio di usare il metodo dei sigilli onirici. E' più efficace così e spesso con la fase onirica può portarvi in astrale. Uno strano animale che ho visto al suo fianco è una specie di cane ma con caratteri simili a tigre e leone, senza denti.

 

 

Testimonianza di ANDREA CROX TRAMONTO

 

 

 *******************************************************

 

 


VOLAC

Con questo Dio non fu un rapporto idilliaco fin dall'inizio, tutt'altro. L'ho conosciuto agli inizi del mio percorso Satanico, ero ancora molto inesperta e non sapevo in che modo rendermi utile per la Causa. Così quando un ragazzo, molto convinto ed impegnato in questo percorso, mi chiese chi fosse il suo Guardiano io gli disse che secondo me, basandomi sul suo carattere e sui suoi gusti, era Volac. Mi sembrava di aver fatto un buon servizio a questo Dio che ammiravo poiché il ragazzino portava con orgoglio il suo sigillo come avatar e ne parlava sempre. Sta di fatto che questo ragazzo poche settimane dopo tradì l'Ideale, cominciando a parlare molto male di Satana e degli Dei, aveva conosciuto una ragazza Buddhista che lo aveva condizionato e lui quindi cominciò ad insultare noi Satanisti e Volac stesso. In quel periodo non me ne andava una giusta, sognavo serpenti che mi piovevano addosso, che mi attaccavano, spaventandomi a morte. Non ho dormito per quasi una settimana. Ero spaventata e per quanto mi scusassi con Lui, non mi ascoltava. Era offeso e aveva ragione. Stupidamente mi ero permessa di mettermi in mezzo fra gli Dei e un fratello, distribuendo un Guardiano come se fossi chissà chi. In quel momento lo feci in buona fede, non potevo sapere che quel ragazzo avrebbe tradito, mollando tutto in maniera così vile. Perché un conto è capire che un dato percorso non è adatto a noi, altra cosa è offendere e diffamare. Fui delusa da me stessa e pur sapendo che con Volac non avevo più speranze, mi promisi di non fare mai più un errore simile e di rispettare sempre e comunque l'intimità fra Dei e altri fratelli, senza pormi mai più come intermediario. Tuttora, in memoria di quell'errore e delle sue conseguenze, cerco sempre di ammonire i fratelli che cercano di intromettersi troppo nella vita spirituale di un altro, anche se lo fanno in buona fede. Questo semplicemente per evitar loro problemi come li ho avuti io. Tuttavia, dopo più di un anno, provai a ricontattare Volac, tramite Sigillo Onirico ed Egli mi rispose. Sognai un grande serpente (ricordo che Volac è il Dio dei Serpenti) e questo enorme boide mi venne incontro, mansueto e quasi affettuoso. Fu molto belloe mi commossi. Gli fui grata per avermi perdonato quel madornale errore e fui lieta di constatare che questo grande Dio, saggio e molto orgoglioso, aveva notato il mio miglioramento, la mia crescita spirituale. Consiglio a tutti coloro che vogliono avvicinarsi a Volac di farlo con molto rispetto, è un Dio forte, fiero e rigoroso, che ama la disciplina e che se fate un errore ve lo fa notare. Ma ovviamente ciò è una cosa positiva poiché forse, se non mi avesse ammonita così duramente, io oggi non sarei quella di adesso, probabilmente ora sarei una cretina egocentrica e montata che crede di poter dire agli altri chi è il suo Guardiano ed altri atteggiamenti settari e decisamente poco adatti a chi percorre il sentiero della mano Sinistra. La tradizione dice che Volac aiuta molto nel lavoro e che favorisce le vincite al gioco. Non so se ciò è vero, ma vi consiglio di evitare contatti spirituali solo per ottenere i numeri da giocare al Lotto, anche perché questo Dio, come vi ho detto, è molto selettivo e orgoglioso. Chiunque abbia Volac come Guardiano merita la mia profonda ammirazione poiché non è facile entrare nelle sue grazie. Io me la son sudata la sua approvazione e farò il possibile per mantenerla viva.

Testimonianza di JENNIFER CREPUSCOLO

Copyright © Unione Satanisti Italiani 2010 - 2019
X

Right Click

No right click