CALENDARIO

 

 

 

 

 

 


Se la vostra pigrizia la fa da padrona e preferite saltarvi la teoria sulle principali festività, vi suggerisco di andare direttamente in fondo all'articolo e consultare le tabelle con il calendario che vi ho creato.

Per scaricare il calendario USI 2022 invece cliccate qui.

Le principali festività Sataniche sono otto ed hanno antichi radici pagane. Le più importanti sono i 4 equinozi e solstizi, che oltre ad avere un proprio valore simbolico, rappresentano anche i 4 Principi incoronati dell'Inferno, ovvero Samael, Baal, Ishtar e Samas, (i cui nomi goetici corrispondono a Lucifero, Beelzebub, Astaroth e Azazel). Fra un Solstizio ed Equinozio poi, ricade sempre un'altra festività intermedia. Per capire meglio osservate il semplice schema in fondo al paragrafo. Esse simboleggiano il ciclo delle stagioni e della vita e ripercorrono in qualche modo anche la storia del Dio Satana e della Grande Madre Lilith.
Dovete sempre ricordare che non vi è cosa in questo mondo illusoria, che non abbia in sé un'interpretazione simbolica, ogni cosa, comprese dunque le festività, doveva rappresentare in maniera allegorica la vita dell'uomo, la vita degli Dei, la vita della natura e del pianeta stesso. Questo accade perché come certi già saprete, siamo tutti inevitabilmente connessi, siamo tutti connessi gli uni agli altri da una stessa matrice che ci compone. Ogni festività è dunque da interpretare in chiave allegorica in quanto essa stessa è alla fine soltanto un archetipo, una forma atavica che racconta le nostre origini e il nostro percorso, esattamente come i tarocchi, le rune, i numeri, le stelle, i sigilli… Semplicemente forma che riveste l'Essenza, in modo che noi esseri umani ne possiamo più facilmente coglierne il significato, attraverso appunto un illusorio significante.

Il modo migliore per festeggiare questi importanti giorni del nostro Calendario Satanico è a mio avviso quello di seguire l'esempio dei nostri antichi antenati Gentili, cercando però di riadattare tali tradizioni alla nostra condizione di vita attuale. Non bisogna infatti dimenticare che il Satanismo è un culto dinamico, che cresce e si evolve con l'uomo senza mai costringerlo a dogmi castranti che mal si abbinerebbero alla vita moderna. Le regole che si solevano seguire un tempo, sarebbe assurdo in molti casi riproporle all'uomo moderno e questo vale di conseguenza anche per le tradizioni. Se ad esempio gli antichi erano soliti durante il capodanno gettare dalle finestre ogni cosa vecchia o magari accendere in estate enormi falò in piena campagna, oggi ciò non si potrebbero certo ripetere, almeno non in quell'esatta forma. Ma seguire comunque l'impronta delle trazioni passate è comunque fondamentale. I nostri antenati son stati sterminati dalle nascenti religioni della mano destra, come appunto l'Ebraismo e il Cristianesimo, le quali hanno cancellato in seguito le vecchie tradizioni originarie distruggendole o riadattandole al loro credo. Queste tradizioni però non sono favole o leggende, erano realtà concrete perdurate per millenni! Pertanto vorrei che fosse ben chiaro a tutti che noi Satanisti non stiamo inventando un bel niente! Non stiamo ricreando un nuovo culto come va tanto di moda oggi con la new age o tutti questi movimenti nascenti. Noi semplicemente stiamo recuperando e restaurando le tradizioni del Culto Originale in seguito demonizzato per convenienza dai credi avversari. Noi non siamo Satanisti perché vogliamo sentirci "diversi" dalla massa, non stiamo creando un nuovo credo per distinguerci dai cristiani o le altre religioni adamitiche. Noi semplicemente sentiamo l'esigenza di tornare all'Origine, quando ancora la Verità non era stata contaminata dalle corruzioni della storia. Cercare di ripristinare una Verità Originale non significa "inventare un nuovo culto", bensì significa non permettere alle prevaricanti religioni patriarcali di cancellare il nostro prezioso passato.





 

 

 IMBOLC - 1 Febbraio - Giorno della Purificazione:


Imbolc è il Capodanno Satanico per eccellenza, esso rappresenta la nascita, l'inizio di ogni cosa, l'Origine. E' la vita che inizia il suo ciclo, è il germoglio che sbuca dal terreno, è il sorgere del sole, l'alba dell'esistenza. I bambini che nascono in questo periodo si dice infatti che siano molto fortunati e che saranno destinati ad una vita serena e felice. Un tempo veniva chiamato dai Gentili "festa della pioggia o del fuoco", perché gli antichi maghi erano soliti purificare i loro strumenti, le loro case e gli ambienti in cui vivevano e persino loro stessi, attraverso appunto l'acqua ed il fuoco.

 

 

Come festeggiare?

Un buon modo per festeggiare Imbolc sarebbe proprio quello di purificare il nostro ambiente, i nostri strumenti magici, le candele, le rune, i nostri animali di casa e anche noi stessi. Questo è un ottimo giorno per iniziare nuove attività, per acquistare beni destinati a durare nel tempo, per dare inizio a una relazione sociale o lavorativa. E' indispensabile in questo giorno caricarsi di energie positive perché come è ben noto, è sempre meglio cominciare ogni ciclo, con il piede giusto! Se desiderate fare rituali di purificazione il colore più adatto delle candele è il bianco e il giallo.

 



OSTARA - 21 Marzo - Giorno dell'Amore:

Ostara corrisponde all'Equinozio di Primavera ed è il giorno dedicato alla dea Ishtar, ovvero alla granduchessa delle regioni occidentali Astaroth. Essa rappresenta secondo la trazione l'incontro fra la Grande Madre e il Dio, essa è la festa della primavera, dei nuovi amori, della vita. Se a Imbolc il germoglio era appena uscito dal terreno, ad Ostara è un bel fiore che sboccia, la vergine che riscopre la sua femminilità, la pubertà della vita.

Come festeggiare?

Ostara è la festa dell'amore per eccellenza quindi è da considerarsi pressappoco come il San Valentino cristiano. È un giorno perfetto per cominciare una relazione amorosa o semplicemente per rafforzarne una già iniziata. Ostara è la festa degli innamorati, della leggerezza, della gioia. Tutta la natura si risveglia e con essa i nostri sensi, pertanto è consigliabile iniziare in questa data un serio programma di meditazioni o approfondire se già siete pratici. Questa festa è stata originariamente rubata dai cristiani e dagli ebrei che l'hanno trasformata nella loro Pasqua, (infatti se notate vi è una certa somiglianza fra la parola Ostara (da Ishtar appunto) a Easter (ovvero Pasqua). In questo giorno anticamente per tradizione si era soliti disegnare uova colorate e regalarle ai propri cari o magari creando piccole caccie al tesoro per far divertire i bambini. In alcuni parti del mondo tuttora esiste questa usanza. L'uovo rappresentava l'uovo cosmico delle origini e regalarlo a qualcuno significava augurargli fecondità. Per questo spesso gli innamorati se ne regalavano uno a vicenda. Se desiderate fare rituali i colori più adatti per le candele sono verde, marrone e rosa.

 

 

BELTANE - 1 maggio - Giorno del Fuoco

 

Beltane, conosciuta nella tradizione italica come Calendimaggio e presso i germani come Notte di Valpurga, era una delle feste più amate dell'antichità. Essa è una festa del fuoco, della purificazione propiziatoria, del calore sessuale e della passione. Beltane è il giorno in cui il fiore sbocciato ad Ostara viene fecondato, è l'energia luminosa solare che penetra le oscure acque lunari, innescando la Vita. Durante le Calendimaggio si festeggiava cantando e danzando, creando odi agli Dei e alla primavera, donandosi vino, uova, dolci e primizie di stagione. Nella tradizione Romana il primo maggio era anche la festa della Dea Maia, a cui il mese stesso di maggio deve il suo nome. I Cristiani poi attinsero dalla tradizione Gentile per trasformare "il mese maiano" nel mese mariano della Madonna. Nel sacro bosco presso il colle Aventino le Iniziate ai Misteri della Bona Dea celebrano la Signora. Il primo maggio era anche Laralia, la festa in cui si onoravano i Lari, numi tutelari della casa.
 
 
Come festeggiare?
 
 
In questa ricorrenza gli antichi si davano ai massimi piaceri organizzando sabba e ricchi banchetti. Preparavano un grande falò e un palo di legno adorno di fiocchi rossi e bianchi, esso raffigurava metaforicamente un fallo eretto e le persone vi ci ballavano nudi intorno. Questa fu ovviamente una delle prime festività condannate dalla Cristianità perché considerata peccaminosa e oscena. In quella notte di piacere, gaudio e passione era molto difficile che le fanciulle e i fanciulli tornassero a casa ancora illibati! Ognuno può rivivere la magia delle Calendimaggio indulgendo come i nostri antenati nei piaceri terreni, in tutto ciò che riscalda e rischiara l'animo, magari abbandonandovi al buon cibo, all'amore, all'arte, alla bellezza, tutto quello che possa accendere il vostro Fuoco. Inutile dire che Beltane, in quanto giorno della Passione, si presta bene per i rituali di natura sessuale, innalzando così la nostra Sacra Fiamma sino agli Dei.
 
 
 
ALBAN HERUIN o Litha o Midsummer - 21 Giugno - Giorno della Luce
 
 
Corrisponde al Solstizio d'Estate, giorno in cui la durata delle ore diurne è la più lunga dell'anno. Questa festa solare rappresenta l'illuminazione, la luce, la verità che si rende manifesta nell'immanenza. È il Dio che offre la conoscenza agli uomini, è Lucifero, il portatore di luce che apre gli occhi all'essere umano rendendolo libero. È l'uomo che finalmente può Vedere. Rappresenta il fanciullo nel suo massimo vigore, la fanciulla che diventa donna, il germoglio iniziatico sbocciato e in cerca di generare l proprio stesso frutto.
 
 
Come festeggiare?
 
In questa data gli antichi solevano benedire i propri beni per mezzo del fuoco, in modo da riempirli di energia e nuovo vigore. Essendo la festa solare sarebbe perfetto organizzare esplorazioni in luoghi sacri, riti o meditazioni nella natura, godendo della pulsante energia della luce e del rigoglioso Crescere. E' il giorno più adatto per recuperare energie fisiche e psichiche ed è perfetto per tutte quelle attività che richiedono intelletto, come ad esempio esami, studio, sfide personali e prove iniziatiche. Le meditazioni sull'energia sono fondamentali, Litha vi saprà ricaricare completamente. Il Solstizio d'Estate è però anche però l'inizio della Discesa del Sole verso le Tenebre, pertanto può rappresentare anche una ricorrenza in cui cominciare ritualità preparatorie alle fasi più oscure dell'Iniziazione.
 
 
Curiosità:
 
La Tradizione racconta che questo giorno portasse fortuna alle donne in cerca di marito; le nostre antenate conoscevano un sacco di piccole usanze per attrarre amore e fecondità. Si diceva ad esempio che se una donna si fosse rotolata nuda nella rugiada della sera avrebbe favorito la sua fertilità e che se avesse raccolto sempre della rugiada per berla, avrebbe aumentato il proprio fascino. Litha si presta bene anche nella ricerca e raccolta di moltissime erbe officinali, da far poi seccare ed utilizzare per i propri rituali durante l'anno.
 
 
Presso i nostri diretti Avi Romani:
 
Il 21 Giugno i Romani era la festa di Cardeas, Dea della salute, delle soglie e del vento. Cardeas è anche patrona degli artigiani e nume tutelare degli infanti. In suo onore la notte del Solstizio venivano appesi agli alberi e sulle porte maschere e palline decorative.
 
 
 

 

 

LUGHNASADH o Lammas - 1 agosto - Giorno del Potere

Questa festività è molto antica e trova radici in Gallia. Lugh era infatti un importante divinità celtica, corrispondente al norreno Odino. Lugh il luminoso, Lugh che non è il sole, ma la luce del sole. Lugh grande guerriero, esperto di arti magiche ed eccellente guaritore conoscitore della medicina e delle erbe. Questo dio portatore di luce veniva celebrato dai druidi in questa data, essi danzavano e banchettavano in onore del dio e della sua luce. Questa festa era anche chiamata festa del raccolto, ma ciò non è da intendersi solo a livello materiale agricolo. Raccolto è inteso anche in maniera metaforica. I semi della conoscenza infatti offerti a noi dal dio durante il solstizio d'estate, a Lughsanad danno finalmente i loro frutti. Lughnasadh rappresenta dunque l'essere umano che divenuto consapevole, raccoglie i frutti del proprio sapere, ottenendo benessere e potere materiale e spirituale. Lammas è l'abbondanza, Lughnasadh è il successo e la gloria.

Come festeggiare?

In questo giorno ricco di energie ogni nostra iniziativa o rituale avrà successo. In questo giorno di luce e potere la luce della conoscenza ci avvolge e possiamo raggiungere qualsiasi obbiettivo. Le meditazioni sull'energia sono consigliate in quanto potrete caricarvi così di energie potenti e positive, da programmare e indirizzare per realizzare i vostri desideri. E' un ottimo giorno per ottenere grandi risultati sul piano delle esperienze spirituali e meditative, chi è abile nell'assorbimento energetico si sentirà molto carico di nuova forza. Giorno che porta anche molta fortuna nel successo professionale ed economico. In questa data ognuno può sentirsi libero di festeggiare come crede, ciò che però si consiglia per onorare il dio è indossare qualcosa in oro. Anche per eventuali rituali si consigliano candele oro o rosse.

 


MABON - 21 Settembre - Giorno dell'Espiazione


Mabon corrisponde all'equinozio d'autunno ed è il giorno dedicato al saggio Baal, Signore dell'Aria.In questa data altamente simbolica, la natura comincia a morire lentamente, le foglie cadono, l'erba ingiallisce, i raccolti sono ormai alla frutta. È il sole che va verso il suo tramonto, è l'imminente avvicinarsi della fine. È il dio che Discende, l'espiazione per avere offerto la conoscenza all'uomo, è l'Appeso. E' l'iniziato stesso che attraversala Notte dell'Anima in cerca del Sapere e di se stesso.


Come festeggiare?


In questa ricorrenza oltre che omaggiare il dio Baal, è indispensabile che ogni Satanista dedicato si prenda del tempo per riflettere.Accendete semplicemente una candela, sedetevi comodi e pensate a voi e alla vostra vita. Cercate di rivedervi con occhi esterni, analizzate le vostre azioni, il vostro comportamento, i vostri limiti da abbattere. Cercate in voi la Verità in modo obbiettivo, affrontate i fantasmi del passato e rivedete le vostre priorità. Una volta fatto ciò prendete carta e penna e cercate di scrivere tutto ciò che volete distruggere in voi e nella vostra vita, ciò che è destinato a morire per far spazio al nuovo. Fatto ciò prendete un altro foglio e scrivete invece tutti gli intenti per il futuro, la parte di voi che deve essere edificata, progetti e nuove sfide per voi stessi. A questo punto unite i due fogli arrotolandoli e legateli insieme con un vostro capello. Se non avete i capelli lunghi usate qualcosa di personale che avete usato per tutto l'anno. Infine bruciate il foglio e fate in modo che il fumo non resti nel vostro ambiente o su di voi. L'ideale sarebbe farlo all'aperto e in seguito farvi un bagno purificatorio. Pulitura dell'aura consigliata. Colore candela possibilmente nera.

 

 

31 Ottobre 1° Novembre - Samhain - Giorno della Morte

 

Samhain, conosciuta oggi come “Halloween” è in realtà un’antica festa di origine celtica (irlandese e scozzese) conosciuta anche nelle sue vesti galliche con il nome di Samonios. In tale giorno si celebra l’usanza di ricordare la dimensione degli spiriti nei suoi innumerevoli aspetti, oltre che la fine dell’estate e l’inizio del capodanno celtico. Nel nord Italia tale giorno veniva ricordato come la notte delle Lumère, molte famiglie lombarde celebravano i propri avi defunti accogliendoli con zucche intagliate e illuminate, dette appunto Lumère. È una festa pagana anche italiana, dove ci si travestiva da esseri soprannaturali, regalando ai bambini “dolcetti dei morti” o il “pan dei morti”. Solo in seguito con l’avvento del Cristianesimo tale usanza fu trasformata nella Vigilia di Ognissanti.

Ancora oggi in Irlanda la parola Samhain viene utilizzata per indicare appunto il mese di novembre, tale periodo rappresenta per gli antichi Druidi la fine di un ciclo legato al raccolto e pertanto si festeggiava tale notte accendendo dei grandissimi falò che auspicassero un inverno ricco e privo di carestie. Questa è la festa che segna il passaggio da una fase ad un’altra e la fine di un determinato ciclo, rappresenta anche metaforicamente la morte che sopraggiunge senza spazio ne tempo, è il giorno che contiene meno luce e che sta in sospeso fra la vita e la morte. In questa precisa data il confine fra la nostra dimensione terrena e l'astrale è molto più sottile e alle entità di ogni tipo è permesso raggiungerci con molto meno attrito. Samhain può rappresentare anche la morte del Dio dopo l'Espiazione. Samhain come il Tredicesimo Arcano munito di falce che segue con ordine il Dodicesimo. La notte del 31 Ottobre come l’inizio del dodekaemeron (ciclo di 12 giorni) che sincretizza tutti i capodanni del passato in un unico momento magico di ritorno perenne. La Ruota dell’Anno arriva così alla sua conclusione per ricominciare il suo giro, ininterrottamente in una spirale senza fine.

ASPETTO OCCULTO: In un determinato orario notturno, nel momento massimo di connessione il varco tra le due dimensioni principali dell’esistenza si apre come non mai e d’improvviso l’aria si riempie letteralmente di innumerevoli spiriti di passaggio, spesso dal volto familiare molte altre volte di enti o larve inquiete. In ogni caso rappresenta sempre e comunque un momento speciale sia per il profano quanto per l’esperto occultista. Date le energie multiformi tipiche di questo giorno che vi vagheranno intorno fino all’alba, sono sconsigliati rituali di assorbimento personale mentre sono particolarmente indicati rituali concernenti la comunicazione sull’asse dello scambio di informazioni con altri spiriti che possono rafforzare enormemente la nostra capacità di connessione medianica. Per i Satanisti più esperti invece sono favorevoli rituali di attacco di vario genere o fatture che riequilibrano determinate ingiustizie subite. Evocazioni differenziate con la classica tavoletta Ouija o con il pendolino, in gruppo o da soli. L’importante è che ogni atto sia accompagnato dalla sola luce delle candele che dovranno addobbare la nostra esperienza notturna fino al termine. Questa festa rappresenta il nostro ricongiungimento con il senso del rito interiore che come una processione silenziosa si apre un sentiero nell’oscurità.

COME FESTEGGIARE: Per festeggiare correttamente questa ricorrenza dobbiamo concentrarci sul principale aspetto che la caratterizza; ovvero l’incontro ed il passaggio degli spiriti nella nostra dimensione terrena. Molte persone infatti, specialmente cristiani o inesperti, hanno terribilmente paura di questo aspetto e tendono ad avere un atteggiamento pavido e difensivo nei confronti di queste presenze. Quello che invece potrebbe fare ogni buon Satanista sarebbe quello di offrire anche della sana ospitalità a questi passanti dimensionali, apportando ovviamente dei piccoli accorgimenti onde evitare spiacevoli incontri. L'ideale sarebbe di offrire ospitalità soltanto agli spiriti educati o familiari, tenendo però lontani quelli ostili. Tenete la finestra che dà a nord semi aperta, accendete due candele: una nera ed un’altra legata al colore del vostro guardiano sul davanzale e accendete un po' di incenso profumato in casa, sempre vicino alla finestra. Se siete dei dedicati potreste anche mettere sempre vicino alla vostra finestra socchiusa, su un foglio il sigillo di Satana, quello del vostro guardiano e ai lati quello di Haures e Orobas, che sono Divinità esperte nel bandire larve astrali e spiriti molesti a noi avversi. Ognuno poi può allietare la venuta degli spiriti offrendo loro musica soft e doni, come fiori, biscotti, vino. Ogni cosa ha valenza simbolica ma ricordate che ciò che più facilmente passa da una dimensione all'altra sono gli odori e i suoni.

L’Halloween moderna a cui siamo stati abituati dall’approccio occidentale americano è una festa senza particolari connotati magici, nasce soltanto come esperienza ludica per grandi e piccini, fra dolciumi, burle e carnevalate, esattamente come accadeva anche durante i giorni della nostrana Notte delle Lumère. Diverso invece può essere il significato che assume per gli adulti, i quali, oltre al divertirsi con i più piccoli concepivano questa ricorrenza come un possibile incontro spirituale tra il metafisico e l’esistenziale, ovvero fra i vivi e i morti, sfruttando l’occasione per dedicarsi a piccoli rituali personalizzati per onorare gli spiriti dei defunti e riaccompagnarli nel loro passaggio fra i due mondi. Se un individuo qualunque è portato in questo giorno a ricercare semplicemente ciò che gli fa più paura per poter rivivere quel terrore divertendosi, un Satanista segue più o meno lo stesso percorso ma attraverso la ricerca di ciò che teme dovrebbe puntare al superamento di ciò che gli fa più paura, trasformando quel momento anche in un occasione di crescita. Samhain, la notte delle Lumère e perfino la sua astrazione ancora più caricaturale chiamata Halloween, non rappresenta dunque un abominio per inneggiare semplicemente agli spiriti maligni attraverso presunti sacrifici di animali, né un occasione per esaltare bruttezza e mostruosità, bensì vuole semplicemente provare a ripristinare quel rispetto sulla morte attraverso una commemorazione di affetto e ricordo verso le anime dei nostri avi e di tutti i defunti che ci hanno voluto bene e a cui noi vorremo sempre bene.

 

YULE - 21 Dicembre - Giorno della Rinascita

 

In quel preciso momento in cui la luce del Sole raggiunge il punto più basso della sua ellittica entriamo ufficialmente in quel magico periodo dell’anno in cui ogni cosa si prepara a farsi avvolgere dal buio più silenzioso. I nostri antenati Celti lo identificavano con il nome di Yule, tra il 21 ed il 22 (giorno astronomico) del mese di Dicembre si compie infatti la notte più lunga dell’anno e ci si apre alle fredde atmosfere del Solstitium o Solstizio d’Inverno. Per i popoli germanici e scandinavi Yule o Jol richiamava etimologicamente ad una sorta di ruota che giunta al suo fine era pronta per poter ricominciare da una morte ormai compiuta verso una nuova rinascita ormai imminente.

Il 23 Dicembre nel pieno della mutazione ogni buon Satanista dedicato festeggia il giorno di Satana/Lucifero, precedendo di qualche giorno la festività del Sole invitto o Sol Invictus in terra romana. La celebrazione del Dio Sole ricongiunge in un unico grande evento mistico l’entrata del Solstizio con il ricordo del Dio Satana per tutti i popoli a lui legati. Ricordiamo anche che per i Romani la celebrazione del Solstizio d’Inverno durava diversi giorni e tale periodo prendeva il nome di Saturnali. I Saturnalia periodo sacro che va dal 17 al 23 Dicembre, giorno di Lucifero. In questi giorni veniva onorato il Dio Saturno, Signore dell'Etá dell'Oro, del Tempo, dei cicli e dell'ordine. Paradossalmente durante i suoi giorni si celebrava in un certo senso il caos, non esistevano regole, ci si abbandonava alla sfrenatezza e ogni ruolo veniva sovvertito. Questo come preludio alla nuova Rinascita del Sole, del nuovo anno, la distruzione e il caos che antecede il nuovo ordine e l'armonia cosmica. La fine dell’anno veniva interpretata come una morte ciclica, preludio di vita e rinascita. I Romani interpretavano questa morte come la sovversione delle regole civili e morali, ma credo che a livello iniziatico tale morte sia da intendersi come l’abbattimento dei propri limiti, l’uccisione di quelle parti di noi ormai destinate a morire per lasciare posto al nuovo, possibilmente il meglio di noi che ancora ha da venire. I Saturnali erano festeggiati da tutti i Pagani Europei anche se con nomi e tradizioni in parte diverse. In questi giorni ad esempio, gli Slavi festeggiavano una figura molto simile al nostrano Saturno, incarnata dal pittoresco nome Nonno Gelo, precursore del più familiare Babbo Natale. Questa festività è ciò da cui i cristiani presero spunto per creare il loro periodo natalizio, infatti molti simboli come l'albero addobbato, l'agrifoglio e il vischio sono tutti richiami che trovano origine presso le usanze degli antichi Druidi. Altra tradizione interessante di origine scandinava è quella di associare al moderno Babbo Natale la piccola Joulupukki, letteralmente "la capretta di Yule", ossia un'entità caprina che per il Solstizio portava doni proprio ai bambini. Dal ventuno in poi le giornate cominciano lentamente ad allungarsi riportando una luce sempre più predominante e diradando quelle stesse nuvole perlacee quasi ipnotizzanti che tanto avevano prodotto tramite i suoi candidi fiocchi. Si arriva così al periodo del Dio Giano da cui prende il nome il mese di Gennaio, e si conclude il ciclo termico con i giorni più freddi dell’anno 28/29 denominati dal folclore italico come i giorni della merla.

ASPETTO OCCULTO: Yule rappresenta un momento introspettivo di profonda oscurità con i pezzi morenti della nostra fragilità. Ma rappresenta anche esotericamente un portale privilegiato dove la natura apparentemente fredda e rigida si apre a chi riesce ad arrivare a determinate verità ancestrali. Durante il nostro inverno interiore le nostre stesse energie si restringono e sembrano quasi ghiacciarsi, vanno sciolte attraverso delle meditazioni mirate e curative, questo è il periodo giusto per ascoltarsi in un modo talmente profondo da sentirsi quasi in cima al monte più inarrivabile. Dall’alto vedrete voi stessi intenti a caricare la vostra energia bianca con il bianco della neve fresca, immergetevi fino a far diventare la vostra stessa rettificazione la vetta più alta. Con la benedizione del Dio Freyr fatevi ispirare dai suoni e dai colori austeri di questa stagione, assorbite i suoi canti tra fitte foreste ed alture selvagge.

COME FESTEGGIARE: Tradizionalmente parlando si dovrebbe creare una veglia dal tramonto e l’alba per celebrare il ritorno della luce della verità in tutte le sue forme. La luce di un grande falò scoppiettante nel pieno dell’oscurità più fitta vuole richiamare il ritorno della luce calda del giorno. La luce del sapere che trionfa sul buio dell'ignoranza e dell'ingiustizia attraverso canti gutturali particolarmente suggestivi fatti magari in gruppo. Yule si dovrebbe festeggiare immersi nell’atmosfera che questa stagione offre, anche tra il vento gelido pur di assorbire ogni sua emanazione. Dedicate lunghe passeggiate in solitario a queste giornate, solo voi ed i vostri pensieri, analizzate il vostro percorso accarezzando la durezza secolare di una quercia e circondandovi dei profumi tipici del periodo come quelli del muschio bagnato, la natura che vi circonderà apparentemente morta, contiene già i nuovi semi pronti a germogliare. Un Satanista in questo periodo dell’anno può diventare quasi un pellegrino di montagna solitario e taciturno, incarna in un certo senso il mago in letargo da azioni vistose ma pronto a fiorire a nuova consapevolezza. La luce che sta per ritornare richiede la depurazione totale che solo l’inverno più esigente ha potuto estrapolare dalla sua stessa anima.

Superare proficuamente il periodo Yuliano significa aver isolato dei pezzi del nostro animo per poi ricongiungerli dentro una nuova forma riunificata. Rinascere personalmente proprio quando il nostro stesso creatore viene celebrato come l’astro più lucente del cielo.

 

 

FESTIVITA' SECONDARIE:



1° Marzo - Giorno della memoria Streghe

In questa stessa data, nel 1692 iniziò nel New England , nella cittadina di Salem, una feroce caccia alla streghe, dove vennero arrestate, torturate e giustiziate centinaia di persone con l'accusa di stregoneria. Lentamente il fenomeno si propagò anche nei paesi circostanti. Ciò è quello che accadde anche in Europa e in altre zone del Nord America, ma il caso di Salem fu così assurdo e brutale, che tutt'oggi viene ricordato per onorare la memoria di tutte le vittime della Santa Inquisizione per presunto reato di Stregoneria. Ovviamente questa triste ricorrenza non si presta a nessun tipo di festeggiamento, in questo giorno si può soltanto cercare di rendere onore a tutte quelle povere persone torturate e bruciate al rogo a causa dell'ignoranza e del fanatismo religioso. Io ad esempio son solita accendere verso sera una candela che pongo poi sul davanzale della finestra, come segno di rispetto verso tutti coloro che sono morti ingiustamente. Ognuno deve sentirsi libero di ricordare questa tragedia, nel modo che più ritiene appropriato.


22 Novembre - Giorno della Grande Madre

In questa data viene celebrata Lilith, la Grande Madre, Dea Regina dell'Inferno e di questo Mondo.
Questa è una festa lunare per eccellenza, va festeggiata soprattutto la notte del 21 Novembre ed ha un significato ben preciso. Lilith è la luna dei Tarocchi, è la dea dell'Oscurità che ti invita nel suo Mondo per consentirti di apprendere ciò che ignoto. E' un giorno in cui affrontare le proprie paure e i propri fantasmi del passato, per poi rinascere a Yule, un mese dopo, Giorno della Rinascita di cui già abbiamo parlato. L'ideale per festeggiare il Giorno della Grande Madre, oltre ovviamente alle doverose celebrazioni in memoria di Lilith, sarebbe quello di meditare sotto la luna, meglio ancora se all'aperto, in un luogo possibilmente isolato dove stare soli con voi stessi. Io ad esempio son solita andare in un bosco, so che potrebbe anche mettere un po' di paura in qualcuno, ma questo è positivo, perché tale ricorrenza sta proprio nel superare le proprie paure e i propri limiti, è il giorno in cui si deve distruggere ciò che riteniamo sbagliato in noi per poi ricostruire nel miglioramento spirituale. Ovviamente non fate nulla che possa realmente mettervi in pericolo, ma se potete meditare all'aperto e confrontarvi con voi stessi sarebbe l'ideale.
Non ho dubbi che celebrando in tale maniera questa ricorrenza, la Grande Madre offrirà ad ognuno di voi, grande ispirazione e consiglio.



1 Dicembre - Giorno del Destino

Questa è una data particolare e son stata molto indecisa sul fatto di citarla o meno in questo calendario. Perché l'essenza di questo giorno mi fu spiegata dal mio amato Andras, in uno dei primi contatti che ebbi con Lui. Spesso questo dio viene ricordato per la sua forza, la sua ferocia verso il nemico, il suo coraggio in battaglia e la sua severità di giudizio nei confronti dei responsabili. In verità Andras è anche un grande artista, un demone passionale e saggio che spesso si è mostrato con me un ottimo maestro. Questa data rappresenterebbe il Giorno del Destino, perché in questa data, ogni cosa diventa possibile. Andras disse che ogni giorno è influenzato da un tipo diverso di energia, gli antichi popoli conoscevano queste influenze e le sfruttavano per i loro lavori magici. In poche parole, conoscendo l'energia che caratterizza ogni diverso giorno, si potrebbe intuire il suo stesso andamento, come una corrente che volente o nolente, ti trascina verso un determinato destino giornaliero. Il 1 Dicembre invece, questo non accade. In questa data non c'è nessuna energia che influisce senza il nostro controllo, è come un giorno di vuoto, è un foglio vergine su cui noi possiamo immettere qualsiasi tipo di energia. Diventa pertanto l'unico giorno in cui un esperto di magia, potrebbe piegare il proprio destino. Se infatti si riesce ad influenzare l'energia di questa data, si influenzerà anche l'andamento di tutti gli altri giorni seguenti dell'anno. Tuttavia c'è il contro della medaglia. In questa data infatti, a meno che non si è davvero molto esperti nelle arti magiche, sarebbe meglio evitare rituali, questo perché questo giorno di vuoto energetico è anche un giorno di riequilibrio e riposo delle energie, una sorta di pausa prima del nuovo ciclo energetico che parte dal 2 dicembre. Quindi se volete ritualizzare in tale data, state attenti…. Farete certamente cose grandi…. Ma che potrebbero benissimo risultare grandi pasticci!


3 Luglio - Giorno dei demoni minori

Questa è la data in cui si celebrano gli Dei minori, ognuno di voi che ha un rapporto speciale o una simpatia per un demone minore, può in questa data rendergli omaggio.


Ricorrenza della Dedica

Questa data è diversa per ognuno di voi, ma è molto importante. Il giorno in cui avete fatto la dedica a Satana equivale alla vostra rinascita e va festeggiato come un compleanno. La mia dedica cade il 21 Dicembre, giorno di Yule, pertanto faccio due cose in uno. Anche qui massima libertà sul come festeggiarla, l'ideale sarebbe scrivere una lettera per Satana, in cui raccontate la vostra evoluzione e le vostre esperienze dell'anno appena trascorso, un modo insomma per riconfermare la vostra alleanza con il dio. L'importante è che in questo giorno cerchiate di fare ciò che vi piace, è una vera festa, il vostro Giorno!



CALENDARIO: Qui sotto trovate la tabella del calendario Satanico in risposta e in contrapposizione con il modello gregoriano. Oltre alle festività appena sopra descritte troverete anche il giorno di ogni demone. Ovviamente non occorre che celebriate ogni demone, sono davvero molti, ma è importante che ognuno possa onorare almeno i propri guardiani o demoni più cari. Alcune festività noterete che combaciano con il giorno di un demone, come accade ad esempio per i 4 Principi Infernali.




 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Copyright © Unione Satanisti Italiani 2010 - 2022
X

Right Click

No right click