NOSTRA SIGNORA DEGLI ABBANDONATI

 

 

 Nascita

Nostra Signora degli Abbandonati è un brano di Bluemorphosis uscito il 12 Giugno 2021. Il pezzo nasce inizialmente come una poesia dai toni abbastanza personali, per diventare poi un vero e proprio inno alla Mater. E ai suoi veri figli.


Significato

Nostra Signora degli Abbandonati è il primo pezzo in cui le Bluemorphosis raccontano qualcosa di più personale. Nonostante il brano sia stato scritto da JCrep, racconta tormenti vissuti anche da Ellie Lunaria, un lento affossare nel male dell’uomo per poi scoprire proprio nelle tenebre la forma più reale di purezza e amore. NSA è un brano triste ma anche carico di speranza, un brano che, come dice lo stesso finale del video, è dedicato a tutti coloro che hanno dovuto camminare nel buio. La frase ricorrente “mi cullavi nel tuo cuore”, non è semplicemente un richiamo al ristoro che un Iniziato può trovare nel divino, anche perché spesso molte sfide che il Satanide riceve derivano proprio dal suo peregrinare nel Sacro Satanico. L’idea di essere cullati nel cuore incarna semmai l’idea della rinascita divina, un’incubazione che non avviene nel grembo del corpo [il ventre] ma nel grembo dell’anima [il cuore]. La frase che, a seguito di ogni tormento narrato, sussurra alla Madre “mi cullavi nel tuo cuore”, non è dunque semplicemente un “mi tenevi al sicuro”, quanto più un “mi stavi forgiando, mi stavi creando nel tuo Santo Nome, tingendomi nelle Tenebre per farmi divenire vera Luce”.

Dipinto

Il Dipinto utilizzato per Nostra Signora degli Abbandonati è stato realizzato da Ellie Lunaria e s’intitola: The cradle in Your heart.

[CLICCA QUI per visionare l’immagine ad alta qualità].

 

Testo

Parte cantata

Mother I feel you
Mother I feel you
Mother I feel you
Mother I feel you
I feel you.


Parte recitata

Sempre estranea in questo mondo
falsa luce che divora
ti ho cercata nel profondo
il tuo buio mia dimora.
Nel dolore e nel rimpianto
nell'angoscia e nel terrore
a Te volgevo ogni mio canto
la mia culla era il tuo cuore.
Mille ferite e mille pene
lacrime tue nelle mie vene
sei con me in ogni momento
Madre, oh Madre, io ti sento.


Parte growl


Agony... Rage... Terror... Pain... 


Parte recitata


Restai sola in quella gabbia
ogni notte una tortura
soffocavo la mia rabbia
nascondevo la paura.
E nascondevo anche il dolore
per non far troppo rumore
e mi dicevo nel tormento
Madre, oh Madre, io ti sento.
Mi cullavi nel tuo cuore
Mi cullavi nel tuo cuore.


Parte cantata


Mother I feel you
Mother I feel you
Mother I feel you
Mother I feel you
I feel you. (×2)

 

 

Dettagli tecnici

Strumenti: Piano e Synth
Lingua: Italiano e inglese
Composizione linea melodica: Jennifer Crepuscolo
Composizione base strumentale: Ellie Lunaria
Editing Audio: Ellie Lunaria  
Suonata da: Ellie Lunaria
Cantata da: Jennifer Crepuscolo
Voce growl: Maurizio Nasatanada

Testi di: Jennifer Crepuscolo



Curiosità

- Il titolo Nostra Signora degli Abbandonati è un tributo al quadro preferito di JCrep, Our Lady of Forsaken di Daniel Mirante, visibile nell’ultimo frame del video.

- Nostra Signora degli Abbandonati inizialmente avrebbe dovuto essere solo una poesia con musica, la parte cantata è nata come idea dell’ultimo minuto.

 

Appunti personali

“Nostra Signora degli Abbandonati è uno dei nostri pezzi che più mi fa emozionare. Ricordo che è nata come una semplice poesia a cui Ellie ha aggiunto una base e lentamente, chissà come, è diventato uno dei nostri pezzi migliori. Ellie mi chiese di cantare qualcosa che stesse bene sugli accordi e d’istinto mi venne fuori la melodia di “Mother I feel You”. La prima volta l’ho cantato non so quante volte, ripetevo quel Mother I fell You davanti al mio altare, rivedendo scorrere davanti a me tutta la mia vita. Pensavo a tutto quello che sia io che Ellie avevamo dovuto affrontare nella vita e a quanti come noi avessero avuto vite simili. Per un attimo provai un totale senso di connessione, una ragnatela dove il centro di tutto era semplicemente Lei, Nostra Signora. Fu triste e potente al contempo. Quando inviai il pezzo a cappella ad Ellie, lei lo tradusse in note al piano, creando quella intro che personalmente adoro. La parte iniziale e finale di NSA, quella dolce melodia al piano, è senza dubbio la parte che preferisco.” – J.Crep.

“Questo brano mi ha commossa. Per me è come una sorta di Daetur Efa Konnunar fatta però insieme. Il testo originale infatti fu scritto da Jenny per me, poi in seguito, sviluppando testo e canzone, divenne un inno esteso a tutti coloro che nella sofferenza avevano trovato rifugio nella Madre. Nostra Signora degli Abbandonati rappresenta per me un’emozione strana, è come un’antica nenia, è come risentire la voce della Madre che mi cullava nell’infanzia. Sentivo sempre un carillon. Lo sognavo. Alla gente di solito il suono del carillon fa un po’ paura, a me invece rassicurava. E poi sognai due bambine che mi donavano la luna e la luna stessa era come un carillon che suonava. Da questo deriva il dipinto che Jenny mi ha donato in Daetur Efa Konnunar. Era una luna gialla dentro un cerchio blu. Un po’ come vediamo la luna da bambini, con attorno le stelline. Le bambine mi donarono quella piccola luna e mi dissero “questa la porterai con te” ed io ero contenta. Nel sogno, anche se sogno non sembrava, la misi sotto il cuscino. Io da piccola però non li chiamavo sogni bensì “Altro Mondo”. Poi però al risveglio ci rimasi male, perché quella luna sotto il cuscino non c’era. Ma una sensazione di conforto mi accompagnava comunque. Dopo quel sogno, ogni incubo si era alleviato. Avevo spesso incubi, avevo paura di sognare. Ma dopo quel sogno tutto fu diverso e non ebbi più paura di andare a dormire. Perché da quel momento io La sentivo. Lei era entrata nella mia vita. Nostra Signora degli Abbandonati mi ricorda molto quel periodo, sia per la musica che per il testo”. – E.Lunaria.

 

 

AUDIO

L’audio sottostante può essere ascoltato e anche eventualmente scaricato cliccando su Scarica File e in seguito sui tre puntini verticali a sinistra del player.

 

Nostra Signora degli Abbandonati, mp3:


SCARICA FILE

 

 

VIDEO

Nostra Signora degli Abbandonati ha un video che si confà allo stile consueto di Bluemorphosis, con immagini simboliche, altari e riferimenti esoterici. Particolare in questo video è l’uso di uno oggetto sacro fatto con spighe di grano intrecciate, netto richiamo ai riti misterici. In questo video per la prima volta vediamo la Lunaria in tutta la sua bellezza, in un ruolo interpretativo che esula dal semplice suonare il pianoforte. Il filo narrativo del video di NSA ci mostra una ragazza tormentata [interpretata dalla Crepuscolo] che vede la propria candela spegnersi. Le parti più drammatiche sono accompagnate dalla voce cavernosa di Sanada, che per la seconda volta si propone come voce growl di BM. Il video ripercorre lo stesso tracciato del brano, il quale ci offre nei fatti un tormentato inseguimento fra speranza e dolore, futuro e passato. La voce eterea della Crepuscolo che canta Mother I feel You si contrappone sin dall’inizio con quella cupa di Nasatanada, facendogli quasi prendere il sopravvento nella parte centrale del brano, per poi infine concedersi un ultimo scontro finale in cui sono presenti entrambe, fino alla vittoria della voce eterea, incarnazione di una Persefone che riesce a tornare verso l’alto, sfuggendo all’Ade.

 

Girato da: Jennifer Crepuscolo ed Ellie Lunaria
Location: Dimore personali e zone limitrofe
Appaiono nel video: Jennifer Crepuscolo ed Ellie Lunaria
Montaggio di: Jennifer Crepuscolo.

 

 

 

 

 

LOCANDINE DEL VIDEO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.

 

 

Copyright © Unione Satanisti Italiani 2010 - 2021
X

Right Click

No right click