INNO AD ARIMANE

Di Giacomo Leopardi

(testo incompiuto)

 

 

 

Re delle cose,

autor del mondo,

arcana malvagità,

sommo potere e somma

Intelligenza, eterno

dator de’ mali e reggitor del moto,

io non so se questo ti faccia felice,

ma mira e godi ec. contemplando eternam. ec.

produzione e distruzione ec. per uccider partorisce ec. sistema del mondo, tutto patimen.

Natura è come un bambino che disfa subito il fatto. Vecchiezza.

Noia o passioni piene di dolore e disperazioni: amore.

I selvaggi e le tribù primitive, sotto diverse forme, non riconoscono che te.

Ma i popoli civili ec. te con diversi nomi il volgo appella Fato, natura e Dio. Ma tu sei Arimane, tu quello che ec.

E il mondo civile t’invoca.

Taccio le tempeste, le pesti ec. tuoi doni, che altro non sai donare. Tu dai gli ardori e i ghiacci.

E il mondo delira cercando nuovi ordini e leggi e spera perfezione. Ma l’opra tua rimane immutabile, perché p.

natura dell’uomo sempre regneranno L’ardimento e l’inganno, e la sincerità e la modestia resteranno indietro,

e la fortuna sarà nemica al valore, e il merito non sarà buono a farsi largo, e il giusto e il debole sarà oppresso ec.

Vivi, Arimane e trionfi, e sempre trionferai.

Invidia degli antichi attribuita agli dei verso gli uomini.

Animali destinati in cibo. Serpente Boa. Nume pietoso ec.

Perché, dio del male, hai tu posto nella vita qualche apparenza di piacere? l’amore?…

Per travagliarci col desiderio, col confronto degli altri e del tempo nostro passato?

Io non so se tu ami le lodi o le bestemmie. Tua lode sarà il pianto, testimonio del nostro patire.

Pianto da me per certo Tu non avrai: ben mille volte dal mio labbro il tuo nome maledetto sarà.

Ma io non mi rassegnerò.

Se mai grazia fu chiesta ad Arimane, concedimi ch’io non passi il 7° lustro.

Io sono stato, vivendo, il tuo maggior predicatore, l’apostolo della tua religione.

Ricompensami. Non ti chiedo nessuno di quelli che il mondo chiama beni:

ti chiedo quello che è creduto il massimo de’ mali, la morte (non ti chiedo ricchezze,

non amore, sola causa degna di vivere). Non posso, non posso più della vita.

 

 

Anno MDCCCXXXV

 

 

 

.

Copyright © Unione Satanisti Italiani 2010 - 2019
X

Right Click

No right click